Archivio della categoria: Eventi

Segui la diretta WebTv (ore 10) del convegno “Donne promotrici di diritti – Avvocate, giustizia, modernità” (Camera dei deputati 25/10/17)


Mercoledì 25 Ottobre 2017 ore 09:30
CONVEGNO – “Donne promotrici di diritti – Avvocate, giustizia, modernità”
“Donne promotrici di diritti – Avvocate, giustizia, modernità”: è il titolo del convegno promosso dall’Unione delle camere penali italiane (Ucpi) in programma oggi, alle ore 9,30 nella Sala Aldo Moro di Palazzo Montecitorio. Saluti di apertura della vicepresidente della Camera, Marina Sereni. Introduce e modera Giulia Boccassi, responsabile Commissione pari opportunità dell’Ucpi. Conclusioni di Beniamino Migliucci, presidente Ucpi. Interventi di Marcello Flores D’Arcais, ordinario di Storia dei diritti umani all’Università di Siena, Serife Ceren Uysal, avvocato del Foro di Istanbul, Giovanna Ollà, presidente del Consiglio dell’Ordine degli avvocati di Rimini, Anna Rossomando, deputata della Commissione Giustizia della Camera.

Camera dei deputati, 25/10 convegno ‘Donne promotrici di diritti’

Convegno 25.10.2017Camera, 25/10 convegno ‘Donne promotrici di diritti’ Roma, 23 ott. (LaPresse) – Mercoledi’ 25 ottobre, alle ore 9,30, presso la Sala Aldo Moro di Montecitorio, si terrà il convegno “Donne promotrici di diritti. Avvocate Giustizia Modernità”. Interverranno la Vice Presidente della Camera dei deputati on. Marina Sereni, l’on. avv. Anna Rossomando componente dell’Ufficio di Presidenza e della commissione Giustizia della Camera dei deputati, l’avv. Giulia Boccassi, responsabile commissione Pari Opportunità UCPI, il Professor Marcello Flores D’Arcais, Ordinario di storia dei Diritti Umani presso l’Università di Siena, l’avv. Serife Ceren Uysal del Foro di Istanbul, l’avv. Giovanna Ollà, Presidente del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Rimini e l’avv. Beniamino Migliucci, Presidente Unione Camere Penali Italiane. Si affronteranno i seguenti temi: ‘Storia e formazione dei diritti, il ruolo delle donne’; ‘Avvocate a tutela delle libertà’; ‘Essere Avvocate oggi’; ‘Proposta di Legge n. 4058/2016: modifica all’articolo 420-ter del codice di procedura penale in materia di legittimo impedimento dell’avvocata nel periodo di maternità (4058)’. L’appuntamento sarà trasmesso in diretta webtv dal sito della Camera dei deputati:

LUNEDÌ 23 OTTOBRE 2017 11.26.21

Oggi a Montecitorio ore 15 presentazione del libro “La cultura in trasformazione. L’innovazione e i suoi processi” (Segui la diretta)

 Mercoledì 27 Settembre 2017 ore 15:00

Alle ore 15 presso la Sala Aldo Moro di Montecitorio, verrà presentato il libro “La cultura in trasformazione. L’innovazione e i suoi processi”. Interverranno Anna Rossomando, deputata, Ufficio di Presidenza della Camera dei deputati; Alessandro Bollo, autore del libro, direttore del Polo del 900 di Torino; Bertram Niessen, direttore scientifico di cheFare; Christian Raimo, autore del libro, scrittore e giornalista; Valeria Verdolini, ricercatrice dell’Università degli Studi di Milano, sociologa del Diritto; Caterina Pes, deputata, Ufficio di Presidenza della Camera dei deputati.

 

CAMERA. DOMANI PRESENTAZIONE LIBRO “LA CULTURA IN TRASFORMAZIONE’

(DIRE) Roma, 26 set. – Domani, mercoledi’ 27 settembre, alle ore 15, presso la Sala Aldo Moro di Montecitorio, verra’ presentato il libro “La cultura in trasformazione. L’innovazione e i suoi processi”. Interverranno Anna Rossomando, deputata, Ufficio di Presidenza della Camera; Alessandro Bollo, autore del libro, fondatore e responsabile Ricerca e Consulenza della Fondazione Fitzcarraldo; Bertram Niessen, direttore scientifico di cheFare; Christian Raimo, autore del libro, scrittore e giornalista; Valeria Verdolini, ricercatrice dell’Universita’ degli Studi di Milano, sociologa del Diritto; Caterina Pes, deputata, Ufficio di Presidenza della Camera. L’appuntamento sara’ trasmesso in diretta webtv. (Vid/ Dire) 09:25 26-09-17 NNNN

RIFIUTI. SCONTO TARI A CHI PORTA OGGETTI A MERCATI USATO, ECCO PDL PD (Conferenza stampa del 13.9.16 con Carrescia, Rossomando, ReteOnu, Mercatino e Legambiente)

CsOeXtMW8AEjzgu Conferenza stampa_13 09 2016 Locandina (1)RIFIUTI. SCONTO TARI A CHI PORTA OGGETTI A MERCATI USATO, ECCO PDL PD CALCOLO IMPRONTA ECOLOGICA CIÒ CHE NON SI BUTTA PORTA RIDUZIONE ESBORSO (DIRE) Roma, 13 set. – Istituire un registro nazionale delle reti del riuso – dai mercatini dell’usato alle associazioni ai privati – e calcolare l’impronta ecologico-climatica – l’impatto di ogni singolo oggetto o merce sull’ambiente in termini di energia consumata e CO2 emessa – degli oggetti che in esse si portano a vendere anziche’ gettarli via, in modo da operare uno sconto sulla tariffa dei rifiuti per chi ne favorisce il riutilizzo perche’ cosi’ facendo inquina meno. Insomma: porti cose che non usi piu’ al mercatino dell’usato riducendo la massa dei rifiuti? Avrai una corrispettiva riduzione sulla tassa per lo smaltimento. E’ il succo – in una sintesi estrema – della proposta di legge targata Pd, primi firmatari i deputati dem Piergiorgio Carrescia, dalle Marche, e Anna Rossomando, dal Piemonte, due regioni che gia’ applicano sistemi simili che premiano i virtuosi della spazzatura (quello in uso a Torino e’ stato confermato giusto ieri dalla nuova Sindaca Chiara Appendino, mentre la regione adriatica prevede la modulazione del tributo per lo smaltimento in discarica con un criterio di premialita’/penalita’ basato sul superamento degli obiettivi di legge sulla quota di differenziata finalizzata al riciclo). Incentivare incremento ed emersione di attivita’ di riutilizzo puo’ generare nuovi posti di lavoro, nuova fiscalita’ locale e centrale, ricchezza e sviluppo locale, segnalano i promotori, il tutto in un settore, quello dell’usato, che ha “luci ed ombre”. Sara’ istituito al ministero dell’Ambiente il Registro nazionale delle reti del riuso, prevede la proposta di legge, che comprende la Rete degli operatori privati del riuso e la Rete dei centri comunali del riuso, costituendo cosi’ una “rete accreditata”. Gli operatori dovranno disporre di un calcolo della riduzione dell’impatto ambientale associato al riutilizzo del bene ricevuto dal cittadino, anche gratuitamente, per la vendita. Una volta certificati i quantitativi di merce ricevuti, e quindi il valore della CO2 equivalente evitata, incorciando il codice fiscale al Codice Tari si ridurra’ l’importo. Il calcolo dell’impronta ecologica associato all’oggetto, quindi del potenziale benefico del suo riuso, si tradurra’ in uno sconto della Tari (Tassa rifiuti) ai cittadini che conferiscono i loro rifiuti-non rifiuti alle reti accreditate, un comportamento virtuoso. Si realizza cosi’ anche un criterio di tariffazione puntuale della produzione di rifiuti, vero punto di svolta per il sistema italiano dei rifiuti, tra eccellenze (molte) e disastri (numerosi). La premialita’ che sara’ decisa dal Comune si potra’ applicare sia al cittadino che all’esercizio che riceve l’ex immondizia. La possibilita’ di operare uno sconto, nell’ambito di una riduzione della produzione dei rifiuti, la prevenzione della stessa, e’ previsto da una norma approvato nel Collegato ambientale. La proposta di legge coniuga gli obiettivi primari di prevenzione della produzione di rifiuti cosi’ come quelli per la decarbonizzazione e dell’integrazione sistemica fra cittadini, operatori del recupero e soggetto pubblico, premiando chi si impegna. Sara’ facolta del Comune interessato deliberare l’entita’ della riduzione della Tari per i rifiuti non prodotti in seguito del conferimento alla Rete degli operatori privati del riuso e alla Rete dei centri comunali del riuso, e la sua estensione anche agli operatori. Sempre i Comuni dovranno produrre la deliberazione relativa all’entita’ della riduzione della Tari per ogni kg di CO2 equivalente riservata ai contribuetnti e attestata dagli operatori della rete, oltre al valore massimo applicabile. Il valore in euro della riduzione della Tari dovra’ poi essere restituito al contribuente entro 90 giorni dalla comunicazione dei dati da parte della rete. In Italia sono 100mila le persone che lavorano nel settore dell’usato per un giro d’affari da 18 miliardi. Nel sistema transitano tra le 350mila e le 570mila tonnellate di “non-rifiuti”. Un italiano su due – segnala la rete Onu- Operatori nazionali usato – ha acquistato nell’arco di sei mesi un bene usato, e ogni italiano ha in media 80 oggetti utilizzati in cantina o nell’armadio.  (Ran/Dire) 14:02 13-09-16 NNNN

MARTEDÌ 13 SETTEMBRE 2016

VIDEO

 

 

Adozioni internazionali, Rossomando (PD): proposta per istituire agenzia nazionale

MERCOLEDÌ 13 APRILE 2016 16.47.01

video Adozioni internazionali, Rossomando (PD): proposta per istituire agenzia nazionale

(Agenzia VISTA) Roma, 13 aprile 2016 Conferenza delle deputate Pd Anna Rossomando, Lia Quartapelle e Sandra Zampa sulle adozioni internazionali. fonte VISTA Agenzia Televisiva Parlamentare / Alexander Jakhnagiev http://www.agenziavista.it 13 APR 2016 NNNN

MERCOLEDÌ 13 APRILE 2016 15.56.27

ADOZIONI. PD: SERVE AGENZIA PUBBLICA PER QUELLE INTERNAZIONALI/FT

(DIRE) Roma, 13 apr. – Istituire un’agenzia pubblica per le adozioni internazionali che fornisca assistenza giuridica, sociale e psicologica prima e dopo l’adozione alle coppie che vogliano adottare un bambino proveniente dall’estero. E’ quanto prevede una proposta di legge a prima firma delle deputate Pd Anna Rossomando, Sandra Zampa e Lia Quartapelle. Gia’ oggi esistono agenzie regionali, come in Piemonte, che forniscono un servizio simile. “Si tratta di estendere quell’esperienza- spiega Rossomando durante una conferenza stampa a Montecitorio- noi partiamo dall’idea che l’adozione internazionale coinvolge le vite e i sentimenti di chi adotta e di chi e’ adottato, e ha anche una dimensione pubblica e collettiva”. Per Rossomando ”il percorso e le difficolta’ che deve affrontare chi adotta ci dicono che l’intervento di un’agenzia pubblica e’ molto utile per affrontare questo percorso, anche gli enti internazionali ci dicono che e’ piu’ comodo interloquire con un’agenzia pubblica. L’agenzia non intende sostituirsi, ma affiancare gli enti privati che operano in questo settore. C’e’ condivisione con loro”. Sandra Zampa, vicepresidente della commissione bicamerale Infanzia e adolescenza, aggiunge: “Questa riforma supera l’attuale sistema. Si apre un nuovo sistema delle adozioni”, perche’ quello che c’e’ stato finora ha “strumenti ormai obsoleti, con segni di stanchezza e poca efficacia”. La deputata Pd Quartapelle sottolinea: “In particolare questa proposta di legge risponde alle criticita’ emerse: costi, assistenza post-adozione, affidabilita’ del soggetto pubblico.  C’e’ un calo dei numeri delle adozioni internazionali, dovuto a tanti fattori, e’ evidente che c’e’ bisogno di supporto maggiore”. (Anb/ Dire) 15:53 13-04-16 NNNN

BENI USATI: VELO E ROSSOMANDO (PD), SI’ A INCENTIVI PER RIUSO

(9Colonne) Roma, 17 mar – “Nel mondo industriale, anche in quello più resistente, c’è stato un salto di qualità sui temi ambientali: ci sono segnali importanti che vanno sostenuti con la fiscalità, con l’idea di incoraggiare la responsabilità sociale dell’impresa”. Il tema è quello del riuso degli oggetti dismessi, che possono avere una seconda vita se opportunamente inseriti nei canali che cominciano a esistere come alternativa alla discarica e al riciclo. A pronunciare queste parole, la sottosegretaria all’Ambiente Silvia Velo. L’occasione, il convegno “Il valore aggiunto dell’usato nell’economia circolare”, che si è svolto oggi alla Camera. In questo settore, ha aggiunto Velo, “la buona volontà dell’iniziativa imprenditoriale, e in particolare grazie alle innovazioni e alle nuove tecnologie messe in campo da tante piccole e medie imprese, ha permesso al nostro Paese di diventare leader in Europa nell’ambito dell’economia circolare . Sono iniziative che devono trovare un sostegno” e il ministero dell’Ambiente, ha concluso la sottosegretaria, “è a disposizione” per studiare le proposte da sostenere. Proposte già presentate alle Camere da alcuni parlamentari, come ad esempio la deputata del Pd Anna Rossomando, che parlando al convegno ha detto: “In una legislatura già molto attiva, non possiamo perdere l’occasione di introdurre innovazione in una realtà che già esiste come quello del riuso dei beni. Sono del parere che un’agevolazione fiscale sarebbe il modo per riconoscere il valore sociale di un’iniziativa che ha un valore economico; avrebbe l’effetto di regolarizzare anche ciò che ora è sommerso e sarebbe dunque un beneficio anche in termini di legalità”. Certo serve anche l’iniziativa europea, ma l’Italia, a differenza del passato “può svolgere – come ha sottolineato Rossomando - un ruolo propositivo piuttosto che di semplice ricettore delle direttive europee”. Velo ha sottolineato il ruolo che attualmente svolge l’europarlamentare del Pd Simona Bonafé, relatrice del progetto di ripristino di una direttiva sull’economia circolare che esisteva nella scorsa legislatura ed è stata messa in archivio con la gestione Junker. “Ora siamo ripartiti – ha detto Velo – e l’Italia è la protagonista del riavvio del percorso”. (PO / red) 171624 MAR 16 

GIOVEDÌ 17 MARZO 2016 16.24.24