Archivio della categoria: Carcere

Carceri: Rossomando, seguire indicazioni Mattarella

ROMA, 23 MAR – “Le prossime saranno giornate di lavoro in Senato e in Parlamento sul decreto Cura Italia. L’atteggiamento delle Camere deve essere costruttivo e propositivo. Le istanze che riguardano lavoro, imprese, professionisti e famiglie saranno al centro dei lavori parlamentari e chiaramente porteremo le nostre proposte con l’obiettivo di migliorare il decreto laddove necessario. La salute dei lavoratori e dei cittadini sarà le precondizione di tutte le nostre proposte e in questo ambito rientra anche la vicenda carceri, su cui da settimane ribadiamo la necessità di abbandonare approcci semplicistici e strumentali. Il riferimento fatto oggi dal Presidente Mattarella rispetto ai livelli della dignità umana nelle carceri deve essere un principio a cui ancorare le nostre iniziative”. Così in una nota la vicepresidente del Senato e senatrice Pd, Anna Rossomando. IA 23-MAR-20 13:11 NNN

CORONAVIRUS: ROSSOMANDO (PD), ‘NORME DL PER TUTELA SALUTE NELLE CARCERI’

Roma, 16 mar. (Adnkronos) – “La situazione delle carceri italiane, legata all’emergenza Coronavirus, va gestita in maniera seria e non strumentalmente. Nel decreto Cura Italia si fa riferimento a una legge già esistente, la 199/2010, che prevede la possibilità di eseguire le pene detentive di durata non superiore a 18 mesi, anche se parte residua di pena maggiore, in luoghi esterni al carcere, come l’abitazione o altro luogo pubblico o privato di cura, assistenza e accoglienza”. Lo dichiara in una nota la vicepresidente del Senato e senatrice Pd, Anna ROSSOMANDO. “Chiaramente dalla norma sono escluse le condanne per reati gravi e i casi con rischio di fuga. La ratio del provvedimento è chiara: tutelare la salute di personale di polizia penitenziaria, detenuti e operatori”.

Intervista all’agenzia Dire

GOVERNO. ROSSOMANDO: DIA PROSPETTIVA AL PAESE E CERCHI UNITÀ
“Nel governo si discute molto, io mi colloco tra chi invita a cercare punti di unita’. Questo governo e’ nato per rispondere ad una drammatica urgenza: da una parte una crisi fortissima per una manovra disastrosa vedi clausole, dall’altra derive autoritarie. Ora c’e’ una grande responsabilita, anche nel raccontare la manovra. Questo governo deve dare prospettiva al Paese”. Lo dice Anna Rossomando, Vicepresidente del Senato della Repubblica, intervistata dal direttore dell’Agenzia Dire Nico Perrone.

Continua a leggere

Carceri: senatori Pd, tradita la delega votata da Parlamento

(ANSA) – ROMA, 3 AGO – “Tradita la delega votata dal Parlamento ed il lavoro degli Stati Generali dell’Esecuzione Penale”. Lo dichiarano i senatori dem della commissione giustizia Anna Rossomando, Valeria Valente, Giuseppe Luigi Cucca e Monica Cirinnà. “Con l’annunciata chiusura al rafforzamento delle misure alternative, il Governo dimostra di coltivare una visione carcerocentrica che non giova né al recupero sociale dei condannati ne’ al miglioramento del livello di sicurezza della società e della sua protezione dal crimine. Il potenziamento delle misure alternative – prosegue gli esponenti dem – era accompagnato, nella versione amputata dello schema di decreto, dalla predisposizione di un programma trattamentale tale da evitare che il ricorso alle misure alternative potesse essere inteso come fuga dalla pena e dal suo significato costituzionale. Pena alternativa non è assenza di pena! La riduzione della pena ad un significato esclusivamente afflittivo si tradurrà in aumento dei tassi di recidiva e di insicurezza, accrescendo il malessere nelle carceri e non solo della popolazione detenuta. Le carceri che il decreto di riforma preparato dal Ministro Orlando disegnavano erano carceri in cui oltre alla pena il detenuto veniva inserito in un percorso lavorativo e formativo per reinserirlo nella società dopo aver scontato la pena. Alcune cose buone di questa impostazione rimangono, ma sono moltissimi i passi indietro che rischiano di relegare il carcere ad università del crimine, dove chi entra peggiora e quando esce commette altri reati che lo faranno tornare in carcere. + forse questa l’idea di sicurezza del governo?”. (ANSA). CAP 03-AGO-18 20:10 NNN

Carceri: Rossomando, riforma giusta, alternativa a slogan Lega

(AGI) – Roma, 16 mar. – “La riforma dell’ordinamento penitenziario, molto attesa, e’ finalmente arrivata al traguardo ed e’ il giusto punto di arrivo dell’impegno di questi cinque anni non solo del Parlamento e del Governo con il ministro della Giustizia Andrea Orlando ma di tutti gli operatori del settore giustizia, soprattutto di chi e’ impegnato in prima linea nella gestione dell’esecuzione della pena”. Cosi’ Anna Rossomando, senatrice del PD. “Si tratta – aggiunge – di norme che danno risposta alla richiesta dei cittadini di sicurezza e di pene certe, puntando sulla funzione rieducativa della pena e sulla differenziazione di percorsi a seconda della gravita’ del reato e del comportamento del condannato. Migliorare le condizioni di vita dei detenuti e dare impulso alle pene alternative da’ concretezza ai principi costituzionali sulla funzione della pena ed e’ un modo per rendere le nostre comunita’ piu’ sicure perche’ si abbatte la recidiva. Non si tratta quindi di alternative alla punibilita’ ma di rendere efficaci le pene: alle inquietudini delle nostre comunita’ si puo’ rispondere con gli slogan e investendo sulla paura, come fa Salvini, oppure come in questo caso occupandosene davvero. L’alternativa c’e'” conclude Rossomando. (AGI) Ted 161517 MAR 18 NNNN

GIUSTIZIA. ROSSOMANDO: DOPO STALLO BERLUSCONIANO RIPRESE RIFORME

(DIRE) Roma, 18 feb. – “Riaprire i concorsi per il personale giudiziario e far ripartire le assunzioni e’ stata una preoccupazione costante in questa legislatura e ora si cominciano finalmente a vedere i risultati. Se oggi si puo’ pensare di prolungare gli orari delle udienze in tribunale fino al pomeriggio inoltrato, e dare cosi’ sostanza all’impulso riorganizzativo promosso dai vertici degli uffici giudiziari torinesi, contribuendo cosi’ a velocizzare i tempi dei processi e ridurre l’arretrato, e’ anche grazie al piano di assunzioni di personale giudiziario, varato dal Ministro della Giustizia Andrea Orlando, che sta portando nei tribunali italiani 1.600 unita’ tra assistenti e funzionari: in particolare in Piemonte stanno arrivando 162 nuovi assistenti, meta’ dei quali a Torino”, cosi’ l’onorevole AnnaROSSOMANDO, deputata torinese del Pd in Commissione Giustizia alla Camera dei Deputati, in merito al piano presentato dal presidente del Tribunale di Torino Massimo Terzi. “Dare piu’ risorse e strumenti adeguati a chi ha il compito di dirigere gli uffici giudiziari per organizzare al meglio il servizio giustizia vuol anche dire, come abbiamo iniziato a fare, prevedere soluzioni alternative e anticipate del processo, privilegiando nei casi di reati di minore entita’ il risarcimento alla vittima ed evitando cosi’ la celebrazione di tutti i tre gradi di giudizio – continua ROSSOMANDO -. Nel futuro, grazie all’insieme di questi interventi, le cifre che il Procuratore di Torino Armando Spataro aveva dato, ovvero l’ottenimento di poco piu’ di un terzo delle oltre 9 mila date di richiesta di fissazione di udienza, c’e’ la concreta possibilita’ che migliorino significativamente. Sara’ nostro impegno monitorare l’effetto che queste riforme produrranno, continuando a confrontarci con tutti gli operatori della giustizia: magistratura, avvocatura e personale giudiziario”. “Dopo lo stallo del ventennio berlusconiano – conclude l’onorevole -, abbiamo ripreso un cammino riformatore che sta cominciando a dare i suoi frutti e che abbiamo intenzione di proseguire nella prossima legislatura: l’Italia ha bisogno di andare avanti, non certo di tornare alla stagione delle leggi ad personam, delle prescrizioni brevi o dei legittimi impedimenti”. (Com/Rai/ Dire) 18:44 18-02-18 NNNN

Leggi articolo: 17_2_18 Corriere Torino – Udienze anche di pomeriggio – Svolta nel Tribunale di Torino

Carceri: Rossomando (Pd): “Con riforma pene effettive, percorsi rieducativi e citta’ piu’ sicure”

Carceri: Rossomando (Pd), con riforma pene effettive

Carceri: Rossomando (Pd), con riforma pene effettive “Percorsi rieducativi e citta’ piu’ sicure” (ANSA) – ROMA, 7 FEB – “Pene certe e giuste per un carcere che restituisca persone migliori di quando sono entrate e societa’ piu’ sicure”. Cosi’ Anna Rossomando, deputata del Pd in commissione Giustizia alla Camera che aggiunge: “Sono questi i pilastri della riforma dell’ordinamento penitenziario su cui abbiamo espresso parere favorevole oggi in Commissione Giustizia alla Camera e che dovra’ essere approvata definitivamente nei prossimi giorni dal Consiglio dei Ministri. Con la riforma Orlando, accanto a risposte rigorose per reati gravissimi, l’intervento sull’ordinamento penitenziario cerca di dare attuazione al dettato costituzionale del valore rieducativo della pena, anche attraverso il potenziamento delle misure alternative al carcere. Non si tratta di un’alternativa alla punibilita’, al contrario si tratta di rendere effettive le pene diversificandole e tenendo conto dei percorsi individuali intrapresi dal condannato. Perche’ per rispondere alla giusta richiesta di sicurezza – continua Rossomando - da parte dei cittadini siamo convinti che il primo obiettivo sia evitare che chi ha commesso un reato torni a delinquere: e i dati mostrano che pene alternative al carcere e percorsi detentivi mirati alla rieducazione e al reinserimento sono le strade piu’ efficaci per abbattere la recidiva. Giusta quindi l’inversione di tendenza rispetto ai provvedimenti passati, che avevano inserito una serie di automatismi nell’esecuzione della pena. Da sottolineare che, in particolare con la legge di stabilita’ appena approvata, sono state incrementate le risorse economiche e finanziarie senza le quali nessuna riforma puo’ concretamente realizzarsi. Anche questa e’ un’importante inversione rispetto ai passati governi, che si erano distinti per il taglio delle risorse strutturali e di personale in questo comparto. E’ doveroso prestare ascolto alla richiesta di sicurezza dei cittadini, l’importante e’ dare risposte serie ed efficaci”.(ANSA). VR-COM 07-FEB-18 18:27 NNNN

CARCERI: ROSSOMANDO “VERREBBE DA SUGGERIRE PICCOLO RIPASSO A FERRARESI”

ROMA (ITALPRESS) – “Verrebbe da suggerire un piccolo ripasso al collega del m5s Ferraresi dopo la pausa estiva”. Cosi’ Anna ROSSOMANDO, deputata del Pd, che continua: “In tema di sovraffollamento delle carceri infatti il percorso del governo e della maggioranza con il Ministro Orlando e’ stato coerente ed efficace. Come ben ricordera’ il collega – sottolinea la deputata della commissione Giustizia – e’ stata affrontata da subito l’emergenza con risultati positivi riconosciuti piu’ volte dall’Europa e contemporaneamente si sono messe in campo energie, studi e proposte che con il lavoro corposo degli stati generali sull’esecuzione penale ha contribuito a scrivere la riforma dell’ordinamento penitenziario contenuta nel ddl penale entrato in vigore (finalmente!) il 3 agosto. Entro fine settembre – aggiunge ROSSOMANDO - ci saranno I primi decreti attuativi; ci saranno cioe’ gli interventi strutturali per porre rimedio alle disfunzioni causate in gran parte da errati passati interventi legislativi. La riforma si fa carico della certezza della pena e al contempo della umanita’ e efficacia della stessa. Valga per tutti il forte impegno sulle misure alternative alla detenzione, vero presidio contro la recidiva. Ed e’ bene sottolinearlo in un momento in cui si discute molto di sicurezza dei cittadini. Quanto poi all’attenzione al fenomeno di corruzione – conclude ROSSOMANDO - l’elenco dei provvedimenti approvati per individuare e colpire i fatti di corruzione e’ lungo: oltre all’aumento delle pene ricordo tra gli altri il ripristino del falso in bilancio e la modifica del reato di voto di scambio mafioso”. (ITALPRESS). sat/com 08-Set-17 18:24 NNNN

VENERDÌ 08 SETTEMBRE 2017 18.26.13