Archivio della categoria: Carcere

CARCERI: ROSSOMANDO (PD), FARE CHIAREZZA SU FATTI DI IVREA. Presentata interrogazione a ministro Giustizia

Presentata interrogazione a ministro Giustizia – Torino, 2 nov. – (Adnkronos) – “I fatti denunciati pubblicamente nella lettera di un detenuto e riportati oggi dagli organi di stampa richiedono, anche alla luce delle immediate smentite della direttrice dell’istituto, che venga fatta al più presto chiarezza”. Così in una   nota la deputata del Pd torinese, Anna ROSSOMANDO,  in merito a presunti pestaggi che di sarebbero verificati nel carcere di Ivrea. “Per questo – aggiunge –  ho presentato oggi stesso un’interrogazione al Ministro della Giustizia per chiedere di far luce su quanto è accaduto, su quale sia la situazione attuale e su quali provvedimenti si intendano adottare per affrontare un quadro che si presenta di estrema criticità”.  ”In questi anni per far fronte all’urgenza carceraria – ricorda ROSSOMANDO -  abbiamo approvato in Parlamento numerosi provvedimenti, che hanno avuto il merito di ridurre il sovraffollamento e di migliorare la situazione negli istituti”. “Questo ancora non basta - prosegue la parlamentare democratica -sono necessari interventi per migliorare e potenziare l’aspetto trattamentale: molti di questi interventi sono presenti nel ddl sul processo penale in esame ora al Senato, nella parte sulla riforma dell’ordinamento penitenziario. Anche per questo è importante che venga presto approvato, per dare concretezza agli impegni importanti e solenni che abbiamo assunto per garantire umanità e funzione rieducativa della pena”, conclude. (Rre-Abr/Adnkronos) ISSN 2465 – 1222 02-NOV-16 18:19 NNNN

MERCOLEDÌ 02 NOVEMBRE 2016 18.20.51

Carceri: Rossomando (Pd), ruolo enti locali indispensabile

(V. ‘Carceri: figli detenute Torino…’ delle 15.05 circa) (ANSA) – TORINO, 21 MAR – “Con il protocollo di intesa siglato dal Comune di Torino con la Casa Circondariale Lorusso e Cutugno e l’Ufficio Esecuzione Penale Esterna si aggiunge un altro tassello alle iniziative necessarie affinche’ i figli delle donne condannate ad espiare la pena in carcere non sopportino il peso di tali condanne”. Lo afferma in una nota la parlamentare Pd Anna Rossomando. “Gia’ nella scorsa legislatura era stato approvato su iniziativa del Pd un importante provvedimento per le detenute madri, che prevedeva la possibilita’, in presenza di determinate condizioni, che le detenute madri potessero scontare la pena insieme ai loro figli in strutture apposite, gli Icam, Istituti a custodia attenuata per detenute madri. Utile e indispensabile affinche’ cio’ produca risultati concreti per garantire quella ‘normalita” alla quale tutti i bambini hanno diritto, e’ il ruolo degli enti locali. Per questo il protocollo sottoscritto con la citta’ di Torino e la sua amministrazione e’ un impegno nel segno della civilta’”. (ANSA). COM-GTT 21-MAR-16 18:28 NNNN

LUNEDÌ 21 MARZO 2016 18.29.18

Carceri: Rossomando,lavoro detenuti vero deterrente recidiva

foto (2)(ANSA) – ROMA, 12 FEB – “Non ci puo’ essere reale sicurezza se non si punta sulle misure alternative e sul lavoro dei detenuti: questa e’ un’azione fondamentale non solo per il recupero sociale e il reinserimento dei detenuti, ma anche per abbattere la recidiva e quindi per incidere sul piano della sicurezza”. Lo ha sottolineato la deputata del Pd Anna Rossomando, membro della commissione Giustizia della Camera, che questo pomeriggio ha preso parte alla firma del protocollo d’intesa sulle carceri tra Ministero della Giustizia e Regione Piemonte. Il protocollo punta principalmente a individuare percorsi di riabilitazione e di inserimento lavorativo per di detenuti con problemi di tossicodipendenza. “Considero le iniziative di questo tipo – ha aggiunto Rossomando – estremamente positive e ritengo si debbano incentivare e consolidare”. (ANSA).

BOS 12-FEB-15 17:17 NNNN

SINTESI_PROTOCOLLO_OPERATIVO_REGIONE_PIEMONTE

CARCERI: ROSSOMANDO (PD), DETENUTI-NETTURBINI PROGETTO DI GRANDE VALORE

 “L’opportunità che avranno i 90 detenuti coinvolti nel progetto di pulizia della città in occasione di grandi eventi come l’ostensione della Sindone va salutata con favore ed è un progetto di grande valore che corrisponde appieno alla concezione costituzionale  della pena come mezzo di rieducazione del condannato e di reinserimento nel tessuto sociale”. Lo dice la deputata del Pd Anna Rossomando, che aggiunge: “E’ un esempio di ciò che hanno voluto fare il parlamento e il governo sin dall’inizio della legislatura, quando hanno messo in campo misure per incrementare queste esperienze concedendo sgravi fiscali e contributivi alle imprese che assumono lavoratori detenuti e introducendo nell’ordinamento penitenziario anche la possibilità per i detenuti di accedere ai cosiddetti lavori di pubblica utilità a titolo volontario e gratuito. In questo caso, oltre ai detenuti, a trarne beneficio sarà l’intera città di Torino”.

Torino, mercoledì 11 febbraio 2015

CARCERI: 10 DEPUTATI PD “SI CONTINUI A VALORIZZARE LAVORO DETENUTI”

ROMA (ITALPRESS) – “Prendiamo atto della risposta del governo sulle ragioni, anche di ordine tecnico-normativo, per cui non sono state rinnovate le convenzioni con le cooperative a cui era stato affidato il servizio mense. Siamo certi che governo e Dap sapranno al piu’ presto trovare tutte le modalita’ utili per non disperdere l’importante patrimonio di esperienze e di conoscenza maturate in questi anni sul lavoro in carcere come strumento di recupero sociale per il reinserimento nella collettivita’”. Lo dicono 10 deputati del Pd che fanno parte della commissione Giustizia della Camera. “Riteniamo altresi’ necessario – aggiungono Anna Rossomando, Walter Verini, Sofia Amoddio, Andrea Giorgis, Vanna Iori, Giulia Narduolo, Davide Mattiello, Maria Iacono, Margherita Miotto, Alessandro Zan – approntare un monitoraggio sistematico dei dati sugli effettivi risultati al riguardo: numero dei soggetti coinvolti, ambiti e qualifiche professionali, valutazione degli effetti sulle recidive”. Secondo i parlamentari dem “il tema delle condizioni delle nostre carceri non e’ questione solo di numero dei detenuti, sul quale sono stati conseguiti importanti e positivi risultati, ma anche di come la pena viene espiata e sulla sua fondamentale funzione rieducativa”. (ITALPRESS). sat/com 15-Gen-15 16:14 NNNN

Carceri:Rossomando,lavoro detenuti investimento per reinserimento

(AGI) – Roma, 24 dic. – “L’esperienza di un lavoro di qualita’ finalizzato ad un reinserimento dei detenuti, cosi’ come e’ stata proficuamente sperimentata nella casa circondariale “Lorusso Cotugno” di Torino e nel carcere di Ivrea, con le cooperative sociali, non deve essere interrotta”. Cosi’ Anna Rossomando, deputata del Partito Democratico intervenuta oggi in conferenza stampa a Torino. “Ben vengano tutte le verifiche sul come proseguire – continua la deputata torinese – ma e’ importante che il lavoro in carcere sia un vero e proprio investimento per il reinserimento sociale e non una mera voce di “costo”. A questo proposito in questo campo, come in altri, nel significato del costo ci deve stare anche il beneficio sociale in termini di sicurezza per tutti i cittadini. E’ noto, infatti, che percorsi di risocializzazione abbattono la recidiva. Dall’inizio di questa legislatura sono stati fatti decisivi passi in avanti sull’emergenza carceri, in primo luogo sul tema del sovraffollamento; i numeri e non solo quelli parlano della bonta’ ed efficacia delle azioni di governo e parlamento. Sul futuro di questi importanti progetti per il lavoro in carcere dei detenuti ho presentato gia’ nella giornata di ieri un interrogazione in commissione Giustizia insieme al collega Andrea Giorgis per chiedere al governo quali iniziative intenda avviare per dare continuita’ a questi progetti anche in forme diverse da quelle adottate fin’ora. Nei prossimi giorni, quando verra’ fissata, e spero presto, – conclude Rossomando – a seguito del recentissimo insediamento dell’attuale dirigente del DAP Santi Consolo, la sua audizione in commissione chiedero’ se e quali determinazioni ci sono riguardo alla valutazione dell’esperienza dei progetti per il lavoro dei detenuti”. (AGI) Ted 241533 DIC 14
NNNN

Carceri: Rossomando (Pd), bene riforma custodia cautelare

(ANSA) – ROMA, 13 NOV – “Con il via libera della commissione Giustizia la legge che riforma la custodia cautelare fa un passo avanti importante. E’ una norma che va controcorrente rispetto agli ultimi vent’anni segnati da provvedimenti tanto ‘restrittivi’ nella concezione quanto inefficaci. Invece qui si riafferma il principio di civilta’ secondo il quale la carcerazione preventiva non puo’ in alcun modo essere un’espiazione anticipata di un’eventuale pena”. Lo dice la deputata del Pd Anna Rossomando, componente la commissione Giustizia di Montecitorio e relatrice del provvedimento. “Come relatrice – aggiunge Rossomando – esprimo massima soddisfazione per il lavoro svolto da tutta la commissione. Questa riforma e’ in linea con un complesso di interventi di Parlamento e Governo che gia’ hanno prodotto effetti positivi, come dimostra la decisione della Corte dei Diritti dell’Uomo di Strasburgo che riconosce la bonta’ e l’efficacia delle soluzioni adottate sul tema del sovraffollamento delle carceri”. (ANSA). DEL 13-NOV-14 17:38 NNNN

Carceri: Rossomando, dl indica principio civilta’

(ANSA) – ROMA, 24 LUG – “Con il via libera al decreto “rimedi risarcitori” la Camera ha ribadito un principio di civilta’ giuridica: la custodia cautelare in carcere non puo’ in alcun modo essere considerata un’espiazione anticipata della pena, tanto piu’ quando l’imputato non la espierebbe anche dopo che la sua colpevolezza fosse stata riconosciuta”. Cosi’ la deputata del Pd Anna Rossomando, membro della commissione Giustizia della Camera. “Il proficuo lavoro parlamentare, svolto in accordo con il ministro Orlando e dopo aver ascoltato gli operatori della giustizia, ha portato a escludere, com’e’ gia’ avvenuto in passato – continua Rossomando – i reati che suscitano allarme sociale, ma questo non puo’ oscurare l’importanza del principio che oggi si ribadisce. L’idea di fondo, che con questo e altri provvedimenti affermiamo con forza, e’ che, lasciate alle spalle le strumentalita’ che hanno caratterizzato lo scorso ventennio, il garantismo rappresenta un valore alto per una sinistra moderna e riformista di cui c’e’ bisogno”. “Quanto alle stucchevoli polemiche sulla ‘paghetta ai delinquenti’, e’ appena il caso di ricordare – conclude la deputata del Pd – che un risarcimento per le condizioni spesso inumane in cui versano molti istituti di pena e’ stato sollecitato, a pena di una severa sanzione che invece grazie al lavoro del ministro Orlando l’Italia ha evitato, dalla Corte dei diritti dell’uomo di Strasburgo”. (ANSA).
DEL 24-LUG-14 15:51 NNNN