Archivio della categoria: Partito Democratico

Fascismo:Rossomando (Pd),contrasto odio su web priorita’ Orlando

AGI) – Roma, 26 apr. – “Il ministro Andrea Orlando e’ tra coloro che hanno preso per primi l’iniziativa di affrontare e contrastare la violenza perpetrata attraverso i social in ogni sua forma, facendone una priorita’ della sua iniziativa politica”. Cosi’ Anna Rossomando, deputata del Partito Democratico e componente la commissione Giustizia, in replica a Michele Anzaldi. “Orlando - prosegue – ha sollecitato l’attenzione dei principali responsabili dei social network tra cui Facebook per arginare le campagne di odio che vengono sviluppate sulla rete e per mettere a punto una strategia unitaria che impedisca almeno su questo versante l’uso illecito del web. Prendere a pretesto la non immediata risposta all’interrogazione di un parlamentare per innescare polemiche non aiuta certamente la causa”. “Tra l’altro per meglio approfondire l’argomento ricordo che e’ in discussione in commissione Giustiziaalla Camera una meritoria proposta di legge a prima firma Fiano per introdurre un’aggravante alla propaganda del regime fascista e nazifascista commessa attraverso strumenti telematici o informatici”, conclude.(AGI) mal 262036 APR 17 NNNN

PD: ROSSOMANDO “DATA PRIMARIE E’ FRUTTO ACCELERAZIONE RENZI”

ROMA (ITALPRESS) – “La data delle primarie e’ frutto dell’accelerazione voluta da Matteo Renzi”. Cosi’ Anna ROSSOMANDO, deputata del Partito Democratico. “Sarebbe stato utile a tutto il PD, come ha piu’ volte chiesto Andrea Orlando offrire l’opportunita’ ai cittadini di ascoltare le proposte di tutti e tre i candidati a confronto, e sarebbe stata utile una piu’ forte diffusione e informazione. E’ compito di tutti ora – conclude la dem torinese – adoperarsi affinche’ vi sia la massima partecipazione perche’ un successo delle primarie e’ un segno di vitalita’ del centro sinistra e della democrazia tutta”. (ITALPRESS). pc/com 25-Apr-17 18:17 NNNN

Pd, Rossomando: bene Orlando, tornare ad ascoltare il lavoro

GIOVEDÌ 30 MARZO 2017 16.25.23
“Per cambiare bisogna esserci” Roma, 30 mar. (askanews) – “Tornare ad ascoltare il lavoro, in uno dei luoghi simbolo dell’industrializzazione torinese e italiana. Bene ha fatto Orlando ad andare questa mattina davanti ai cancelli della Fiat Mirafiori per parlare con gli operai del primo turno”. Lo afferma Anna Rossomando, deputata torinese del Partito democratico. “Il Partito democratico – aggiunge – per rappresentare le istanze e le difficoltà del mondo del lavoro deve tornare sui luoghi e ricostruire un rapporto di fiducia e ascolto. Per cambiare bisogna esserci. #alziamolavoce»: Pol/Afe 20170330T162509Z

MAFIA: ROSSOMANDO “SOLIDARIETÀ A DON CIOTTI, NON CI FAREMO INTIMIDIRE”

DOMENICA 26 MARZO 2017 16.20.47
MAFIA: ROSSOMANDO ”SOLIDARIETÀ A DON CIOTTI, NON CI FAREMO INTIMIDIRE” ROMA (ITALPRESS) – “Condanniamo le scritte contro Don Ciotti e il generale Dalla Chiesa apparse oggi a Palermo. La lotta alla mafia e’ un patrimonio di tutti, lo dimostra il fatto che queste scritte sono state cancellate da qualche cittadino, segno che le battaglie, di chi ha deciso di dedicare il proprio impegno a favore della legalita’, sono un punto di riferimento di una comunita’ che non si lascia intimidire”. Lo afferma in una nota Anna ROSSOMANDO, parlamentare del Pd. (ITALPRESS). sat/com 26-Mar-17 16:20 NNNN

Pd:Rossomando a Emiliano,meno distrazione su riforme Orlando

VENERDÌ 24 MARZO 2017 18.11.29
(ANSA) – ROMA, 24 MAR – “Mentre non e’ ancora dato sapere quali siano le sue proposte, dal candidato alla segreteria del PD Michele Emiliano, operatore di giustizia impegnato in politica, ci saremmo aspettati meno distrazione sulla qualita’ e quantita’ delle riforme messe in campo in questi ultimi tre anni dal Parlamento con il ministro della Giustizia Andrea Orlando”. Lo afferma Anna Rossomando del Pd. “Parliamo ad esempio dell’introduzione del reato di autoriciclaggio, degli ecoreati, del ripristino del reato di falso in bilancio, delle maggiori tutele per le vittime dei reati, degli interventi per essere piu’ incisivi sui reati di corruzione, dell’ampliamento dei percorsi alternativi al carcere per favorire un reale recupero di chi sbaglia, delle misure per risolvere il sovraffollamento penitenziario e al contempo (per la prima volta negli ultimi 20 anni) lo straordinario lavoro di approfondimento sul tema della pena, della sua efficacia e utilita’ ai fini di recupero con gli stati generali dell’esecuzione penale. Si tratta di progressi riconosciuti da vari organismi internazionali, dalle Nazioni Unite all’Ocse. Per quanto attiene al settore civile, riportato tra le priorita’ anche grazie alla determinazione del ministro Orlando, basti citare i provvedimenti per ridurre l’arretrato civile, sceso da 6 a 3,8 milioni di pendenze, l’introduzione della negoziazione assistita e del divorzio breve, la riforma del diritto fallimentare e la definitiva implementazione del processo informatico, che ha comportato a oggi risparmi stimati in 67 milioni di euro per le sole comunicazioni telematiche nel periodo tra marzo 2016 e febbraio 2017, dice tra l’altro. TG-COM 24-MAR-17 18:10 NNNN

L.elettorale: parlamentari orlandiani, Pd sblocchi l’impasse

GIOVEDÌ 23 MARZO 2017 18.53.10
(AGI) – Roma, 23 mar. – Tocca al Pd sbloccare l’impasse sulla legge elettorale. E’ in sintesi la richiesta dei parlamentari del Pd che sostengono la candidatura di Andrea Orlando alla segreteria del partito, contenuta in un documento in cui si richiama il Pd alle sue responsabilita’. “Anche per il suo peso parlamentare, il Partito Democratico, se vuole preservare un profilo di forza responsabile – si legge nel documento – preoccupata anzitutto dell’interesse generale del Paese e delle sue istituzioni democratiche, ha il dovere di porsi al servizio di un intervento legislativo che conduca rapidamente al superamento di una situazione della quale chi ha guidato il Pd negli anni scorsi porta la responsabilita’ principale. Essa, infatti, e’ stata determinata da una sconfitta referendaria causata dalla personalizzazione della consultazione imposta dall’ex segretario, alla quale hanno contribuito non poco contenuto e metodi di approvazione proprio dell’Italicum. Rispetto a questa responsabilita’, le posizioni assunte dal Pd dopo il 4 dicembre si sono rivelate del tutto inadeguate: da un lato la rincorsa alle elezioni anticipate a tutti i costi, senza preoccuparsi della costruzione di un sistema politico stabile e rappresentativo, dall’altro l’indicazione di un sistema elettorale - il Mattarellum – che, pur positivo sotto molti punti di vista, e’ ora acclarato non goda di un sufficiente consenso parlamentare, portano infatti a un vicolo cieco che e’ necessario evitare a tutti i costi. Le primarie del Partito Democratico non possono condizionare, su un aspetto cosi’ essenziale, il dovere del Parlamento di legiferare. Al contrario – prosegue il documento degli orlandiani – devono essere l’occasione per chiarire, da parte di ciascun candidato, le proprie posizioni, e per condividere una proposta comune. Crediamo che le idee nell’ambito della nostra comunita’ politica non siano cosi’ irriducibilmente distanti da impedire che si assuma una iniziativa parlamentare capace di aprirci, in tempi rapidi, al confronto con le altre forze politiche e di trovare i consensi necessari per un intervento legislativo sulle leggi elettorali di Camera e Senato. E’ necessaria una iniziativa parlamentare che conduca a una legge elettorale, da approvare col consenso piu’ ampio possibile, e che miri a consegnare al cittadino il ruolo di arbitro del gioco democratico, determinando col voto sia la costituzione di coalizioni coese e stabili in modo armonico tra le due Camere, sia la scelta dei parlamentari. Si tratta, in sintesi, di conciliare effettivamente rappresentanza e governabilita’. Principi sui quali gia’ durante la campagna referendaria si trovo’ un accordo tra i democratici e che, con riferimento al nostro campo di azione, consentirebbero al Pd di unire il centrosinistra di governo, sul modello dell’Ulivo, come propone la mozione presentata da Andrea Orlando, che su questo punto crediamo possa rappresentare un riferimento unificante per tutti i democratici. Per queste ragioni crediamo sia necessario assumere un’iniziativa parlamentare attraverso la quale il Pd sblocchi l’attuale impasse e assuma nuovamente il proprio ruolo naturale di forza responsabile, garante della funzionalita’ e della democraticita’ dell’intero sistema politico e delle istituzioni repubblicane”, conclude il documento, sottoscritto tra gli altri da Sandra Zampa, Gianni Cuperlo, Andrea Martella, Anna Rossomando, Sergio Lo Giudice. (AGI) Red/Ser 231852 MAR 17 NNNN

Pd: a Torino nasce comitato per sostenere Orlando segretario

SABATO 18 MARZO 2017 15.27.28
Pd: a Torino nasce comitato per sostenere Orlando segretario = (AGI) – Torino, 18 mar. – Nasce a Torino il comitato a sostegno di Andrea Orlando come segretario del Pd. A presentarlo, questa mattina, numerosi deputati e senatori piemontesi democratici. “Renzi come segretario del Pd e’ stato un disastro – ha spiegato Umberto d’Ottavio – siamo con Orlando per unire e non per dividere. Deve essere un partito di comunita’”. Per Cesare Damiano “il programma di Orlando e’ alternativo a quello di Renzi e questo e’ fondamentale. Renzi non ha imparato nulla dalle sconfitte e la sua conversione al Lingotto, passando dall’io al noi, non e’ credibile”. Secondo Andrea Giorgis “bisogna dire basta alla ricerca del consenso immediato, se il partito vuole tornare al 40 per cento deve riacquistare credibilita’ con proposte a medio periodo. Vogliamo assicurare stabilita’ al Governo Gentiloni”. Ridurre la distanza tra cittadini e politica e’ per Anna Rossomando”fondamentale”. “A Torino – ha aggiunto – abbiamo amministrato bene, ma non e’ stato sufficiente. Noi vogliamo un partito che sia piu’ presente nelle periferie”. Per Antonio Boccuzzi “bisogna dare risposte immediatamente, soprattutto sul tema della disoccupazione giovanile. Per quanto riguarda il partito, Orlando ha cercato di evitare la scissione, mentre Emiliano ne e’ stato protagonista”. Infine, per Davide Mattiello “essere di sinistra significa combattere l’illegalita’. Il partito si deve impegnare nel contrasto alle diseguaglianze prodotte dall’illegalita’ e dalle mafie”. Intanto, oltre un centinaio di amministratori locali del Piemonte ha sottoscritto un appello per Andrea Orlando segretario, per “rilanciare il Pd come architrave del sistema politico nel segno di un rinnovato impegno sui suoi valori fondamentali: liberta’, democrazia, uguaglianza”. (AGI) To1/Bru 181526 MAR 17 NNNN

Ddl Penale:Rossomando,piu’ tutela vittime e garanzie processo

MERCOLEDÌ 15 MARZO 2017 17.10.48
(ANSA) – ROMA, 15 MAR – “Finalmente un passo decisivo per una riforma attesa da anni che guarda alla tutela delle vittime con garanzie processuali e certezza della pena”. Cosi’ Anna Rossomando, deputata del Partito Democratico componente la commissione Giustizia alla Camera, sull’approvazione al Senato del DDl sul processo penale. “Il testo – prosegue – e’ frutto del prezioso lavoro del Parlamento e del Governo con il ministro della Giustizia Andrea Orlando. Un testo che ha tenuto conto dell’esperienza e delle osservazioni di tutti gli operatori di giustizia e di quanto elaborato dalle commissioni che in questi anni hanno lavorato sulla riforma della giustizia penale, l’ultima delle quali la commissione Canzio. Nell’impianto generale – aggiunge Rossomando - il tema della ragionevole durata del processo e’ centrale e viene affrontato con interventi su piu’ fronti: inserendo soluzioni alternative allo svolgimento del processo in presenza di reati meno gravi allorquando si ripara il danno alla vittima; la semplificazione del sistema delle impugnazioni; tempi certi per conoscere una volta terminate le indagini preliminari se c’e’ l’archiviazione o il rinvio a giudizio; mantenuto l’impegno di modificare la ex-Cirielli in tema di prescrizione inserendo al contempo una serie di misure volte a snellire il procedimento penale e accelerarne i tempi. Importante la delega sulle intercettazioni, finalizzata a regolamentare in modo piu’ puntuale la loro diffusione in linea con gli orientamenti di alcune importanti Procure tutelando la privacy delle persone senza intaccare la funzione delle inchieste giornalistiche; non si limitera’ in alcun modo l’utilizzo delle intercettazioni come strumento investigativo mentre sono previste misure di razionalizzazione delle loro spese e tariffe. Infine l’attesa delega per la riforma dell’ordinamento penitenziario per dare maggiore concretezza al principio costituzionale della funzione rieducativa della pena e adempiere all’impegno solennemente assunto da piu’ parti a migliorare le condizioni delle persone detenute nelle nostre carceri. Ora – conclude Rossomando - un ultimo scatto per approvarla definitivamente alla Camera”.(ANSA). PDA 15-MAR-17 17:09 NNNN