Archivio della categoria: Giustizia

Giustizia: Rossomando (Pd), bene fondi per professionisti =

Roma, 30 ott. – “Dopo l’impegno assunto dal Governo durante la discussione del Dl Semplificazioni e l’approvazione di un ordine del giorno del Pd a mia prima firma, oggi arriva un importante risultato per i professionisti del settore giustizia”. Cosi’ in una nota la senatrice Pd e membro della commissione giustizia di Palazzo Madama, Anna Rossomando. “Grazie all’accredito del Mef al Ministero della Giustizia, sara’ possibile andare a coprire il debito per le spese di giustizia relative al 2019, per un totale di 92 milioni di euro. Si potra’ procedere dunque al pagamento degli arretrati a partire dagli avvocati che hanno prestato gratuito patrocinio, un istituto fondamentale per la piena applicazione del diritto alla difesa per tutti i cittadini”, aggiunge Rossomando. “Si tratta di un atto importante da parte del Governo, e in particolare dei Ministri Gualtieri e Bonafede, nei confronti di un settore che sta pagando in maniera pesantissima l’emergenza Covid e di professionisti che hanno diritto ad accedere ai pagamenti dovuti”. (AGI)Mol 301542 OCT 20 NNNN

Lavoro, Rossomando (Pd): Su equo compenso pronti a fare nostra parte

Roma, 23 ott. (LaPresse) – “Sull’equo compenso c’è un lavoro già partito e sono perfettamente d’accordo con Andrea Orlando: siamo pronti a fare la nostra parte, in particolare in questa fase storica in cui i professionisti sono indubbiamente tra le categorie più colpite. Disponibili a lavorare da subito, anche con l’opposizione, per trovare soluzioni a sostegno di tutti i professionisti interessati”. Lo scrive su Facebook la vicepresidente del Senato e senatrice Pd, Anna Rossomando. POL NG01 npf 231233 OTT 20

Dl semplificazioni: ok a procedure telematiche per gratuito patrocinio

Roma, 03 set – “Con l’approvazione di un mio emendamento al Dl semplificazioni, le istanze riguardanti il gratuito patrocinio verranno presentate esclusivamente tramite procedura telematica su tutto il territorio nazionale”. Cosi’ in una nota la vicepresidente del Senato, Anna Rossomando (Pd). “In questo modo si introduce da subito una sostanziale novita’ destinata a razionalizzare e velocizzare il metodo di liquidazione dei compensi per gli avvocati difensori. Parallelamente il Governo si e’ impegnato a prevedere nel primo provvedimento utile, tutte le misure di carattere economico ed amministrativo necessarie a favorire il pagamento dei compensi degli avvocati difensori in tempi certi e ragionevoli. Impegno che viene indicato chiamando in causa ‘il reperimento delle risorse necessarie e, in particolare, che il relativo capitolo di bilancio sia sufficientemente capiente’. Si tratta di un intervento atteso dall’avvocatura, una delle categorie che in seguito alla crisi Covid-19 ha visto una evidente contrazione dell’attivita’ professionale. Tutelare un istituto come quello del gratuito patrocinio significa garantire la piena applicazione del diritto alla difesa per tutti i cittadini indipendentemente dal reddito”. com-nep (RADIOCOR) 03-09-20 15:16:09 (0353) 5 NNNN 

Open Arms: Rossomando, soccorso come minacciava confini?

ROMA, 30 LUG – “Parliamo di difesa dei confini ma il fatto è che c’erano dei naufraghi che avevano diritto al completamento del soccorso. Stiamo parlando di un’imbarcazione che ospitava più di 150 persone che era omologata per 19 e con situazioni di salute precaria verificate da sanitari e dal pm di Agrigento”. Lo afferma Anna Rossomando, senatrice del Pd intervenendo al Senato sul caso Open Arms. “Completare il soccorso – prosegue – come avrebbe minacciato i confini? Chi fugge dalle torture forse affronta anche il rischio di affogare e 40 gradi all’ombra, siamo noi che non possiamo consentire queste sofferenze. Non si può affermare che c’è un generico fine politico e che questo si può raggiungere con qualsiasi mezzo. Qui siamo tutti chiamati ad una grande responsabilità e cioè un vero piano di gestione dei flussi migratori”. Poi rivolta al leader della Lega aggiunge: “Lei usa il rosario e la Madonna sempre in pubblico come un brand pubblicitario, io le chiedo quale sommessa preghiera c’è stata per queste persone, per chi fuggiva dalle torture? E’ ipocrisia dire che si vogliono fermare gli scafisti quando difronte c’erano persone inermi”. (ANSA). IRA 30-LUG-20 12:22 NNN

Rossomando (Pd): normalità tribunali fondamentale per ripartenza Ripresa economica e investitori bisogno di certezze e tutele

Roma, 11 giu. (askanews) – “In merito alle rassicurazioni fornite dal ministro Bonafede durante il question time di oggi al Senato, siamo abbastanza soddisfatti. Il riequilibrio del rapporto tra lavoro in presenza e lavoro da remoto del personale amministrativo in modo da garantire, per quanto possibile, la regolare celebrazione delle udienze in condizioni di sicurezza, dal 1 luglio, è un rilevante passo in avanti. Continueremo a sollecitare il governo, perché si tratta di temi strettamente legati alla tutela dei diritti, in particolare dei più deboli. Linee organizzative adeguate alla nuova fase saranno fondamentali per il ritorno alla normalità, necessaria anche per la ripresa economica: il sistema ha bisogno certezze e tutele per imprese e investitori all’estero”. Così in una nota la senatrice del Pd Anna Rossomando, prima firmataria dell’interrogazione rivolta oggi al ministro Bonafede in ambito di giustizia. Fdv 20200611T174758Z

Zone rosse: Rossomando (Pd), allucinante idea giustizia Salvini =

Roma, 10 giu. – “E’ allucinante la concezione che Salvini ha della giustizia. Di fronte alla decisione della procura di Bergamo di convocare il presidente Conte e i ministri Speranza e Lamorgese come persone informate sui fatti rispetto alla mancata istituzione della zona rossa nei comuni di Nembro e Alzano Lombardo, l’ex ministro commenta sui social ‘giustizia e’ fatta’”. Lo dichiara in una nota la senatrice del Pd, Anna Rossomando, che aggiunge: “Un maldestro tentativo di far passare una normale convocazione come l’accertamento di responsabilita’, da usare come una clava, oltretutto inesistente, contro gli avversari politici. Tutto sbagliato, premesse e allusioni, ma si sa che quando si parla di avversari politici per Salvini non valgono neanche le piu’ basilari regole di civilta’ giuridica”, conclude. (AGI)com/Ser 101830 GIU 20 NNNN

OPEN ARMS: ROSSOMANDO (PD), ‘INCOMPRENSIBILE NON PARTECIPAZIONE AL VOTO DI IV’

“La giunta è un organismo particolare. Si fanno sempre letture politiche, ma in realtà ogni componente agisce da singolo. Non ho compreso la non partecipazione al voto dei colleghi di Italia viva, che hanno detto di voler approfondire. Il tema è delicato perché è in ballo una valutazione importante che riguarda tutte le libertà dei cittadini e qual è lo spazio per agire anche in violazione di una legge”. Così la senatrice del Pd Anna ROSSOMANDO, vicepresidente del Senato e componente della giunta per le immunità del Senato, ai microfoni della trasmissione ‘L’Italia s’è desta’ su Radio Cusano Campus. “In casi eccezionali, motivati e circoscritti, se c’è un interesse nazionale e costituzionalmente rilevante, non si deve essere processati, solo in quel caso. In modo ingiustificato sono state private della libertà 161 persone, a bordo per diversi giorni sottoposti a sofferenze legate al clima e alle condizioni sanitarie. A mio giudizio, l’interesse nazionale non c’era, così come per il caso Gregoretti e Diciotti”. Secondo ROSSOMANDO ”continuare a insistere sul fatto che bisognava difendere i confini nazionali è una sciocchezza, lo sanno tutti che far sbarcare queste persone voleva dire semplicemente far completare l’operazione di soccorso e poi accertare se avevano diritto a chiedere asilo altrimenti sarebbero stati rimpatriati. Non c’era assolutamente in gioco la protezione dei confini. Le decisioni che riguardano la giunta per le immunità devono essere svincolate dalle valutazioni politiche, sono decisioni molto delicate che non devono assolutamente seguire logiche di minoranze e maggioranze. Salvini? Per la senatrice del Pd “è paradossale che mentre gli italiani affrontano i problemi di una crisi economica senza precedenti e una questione sanitaria ancora da fronteggiare, per ottenere un facile consenso si continui a far leva su questi argomenti per lucrare sulla paura delle persone. Credo che sia una scelta anche strategicamente sbagliata perché non mi pare che gli elettori lo stiano premiando. Sin dal caso Diciotti è stato sollevato l’aspetto dell’azione collegiale del governo”. “Noi dobbiamo decidere se questo comportamento era giustificato per un interesse nazionale, quindi è la condotta che conta, il fatto che ci fosse o meno una compartecipazione del M5S o del premier Conte non sposta nulla. La decisione di indicare il porto di sbarco sicuro che spetta esclusivamente al ministro dell’Interno, nel caso di specie spettava ancora di più al ministro perché erano intervenuti provvedimenti che accentravano ancora di più i poteri su di lui.”

 

Open Arms, Rossomando: incomprensibile assenza di Iv al voto

Roma, 27 mag. (askanews) – “Non ho compreso la non partecipazione al voto dei colleghi di Italia viva, che hanno detto di voler approfondire. Il tema è delicato perchè è in ballo una valutazione importante che riguarda tutte le libertà dei cittadini e qual è lo spazio per agire anche in violazione di una legge. In casi eccezionali, motivati e circoscritti, se c’è un interesse nazionale e costituzionalmente rilevante, non si deve essere processati, solo in quel caso. In modo ingiustificato sono state private della libertà 161 persone, a bordo per diversi giorni sottoposti a sofferenze legate al clima e alle condizioni sanitarie. A mio giudizio, l’interesse nazionale non c’era, così come per il caso Gregoretti e Diciotti”. Lo ha detto la senatrice del Pd Anna Rossomando, vicepresidente del Senato e componente della Giunta per le immunità del Senato a proposito del caso Open Arms. “Continuare a insistere sul fatto che bisognava difendere i confini nazionali è una sciocchezza, lo sanno tutti che far sbarcare queste persone voleva dire semplicemente far completare l’operazione di soccorso e poi accertare se avevano diritto a chiedere asilo altrimenti sarebbero stati rimpatriati. Non c’era assolutamente in gioco la protezione dei confini. Le decisioni che riguardano la giunta per le organizzazioni devono essere svincolate dalle valutazioni politiche, sono decisioni molto delicate che non devono assolutamente seguire logiche di minoranze e maggioranze”, ha concluso. Pol/Vep 20200527T092832Z

Open Arms: Rossomando (Pd), blocco sbarco no interesse pubblico

Roma, 26 mag. – “Oggi dovevamo decidere in giunta per le autorizzazioni se si possono trattenere oltre 150 persone in mare in precarie condizioni di salute per mera convenienza politica. Per noi questo non e’ un interesse pubblico a cui sacrificare la liberta’ e la salute delle persone”. Lo dichiara la senatrice Pd e membro della giunta per le autorizzazioni, Anna Rossomando. “L’Europa oltretutto aveva gia’ dichiarato la disponibilita’ alla redistribuzione dei migranti e il completamento del soccorso con lo sbarco non puo’ essere messo in connessione con il regolamento dei flussi, considerato che non avrebbe pregiudicato nessun controllo sulle richieste di asilo. Quindi siamo di fronte a un fatto di propaganda politica, ecco perche’ ho votato contro la relazione del Presidente Gasparri”, conclude. (AGI) Fri 261342 MAG 20 NNN

ROSSOMANDO (PD): AVANTI SU CSM E PROCESSO PENALE E CIVILE

Roma, 24 mag. – “È giusto che il ministro Bonafede rilanci la necessita’ della riforma complessiva del Csm e non limitatamente al metodo elettorale. Una riforma non piu’ rinviabile che deve essere accompagnata da un vera e decisa nuova fase sulla giustizia, che comprenda anche la riforma del processo penale e civile, come il Pd ha ribadito piu’ volte. Con queste premesse siamo pronti a dare il nostro contributo”. Lo dichiara la vicepresidente del Senato e senatrice Pd, Anna ROSSOMANDO. (Com/Tar/ Dire) 19:23 24-05-20 NNNN