Archivio della categoria: Giustizia

Bimbi in carcere: Rossomando, stop a vergogna,agire su legge

(ANSA) – ROMA, 25 SET – “Dopo i terribili fatti di Rebibbia il Ministro Bonafede ha rimosso sommariamente la direttrice del carcere e la sua vice e il vice comandante della polizia penitenziaria, senza che venisse accertata alcuna loro responsabilità. Allo stesso tempo però ha rimosso dal decreto di attuazione della riforma dell’ordinamento penitenziario voluta dal suo predecessore Orlando, una norma che avrebbe potuto porre fine alla vergogna dei bimbi in carcere. Oggi la maggioranza giallo verde in commissione ha approvato il parere sul decreto, i bimbi sotto i 3 anni resteranno in carcere con le loro madri. Il Governo ponga fine a questa vergogna modificando il decreto prima del passaggio definitivo in Consiglio dei ministri e dando piena attuazione a quanto previsto dagli Stati Generali e dalla riforma Orlando”. E’ quanto afferma la vice presidente del Senato, Anna Rossomando (Pd). (ANSA). COM-BOS 25-SET-18 16:47 NNN

AFFIDO. INTERVISTA, ROSSOMANDO (PD): DDL PILLON TROPPO IDEOLOGICO

AFFIDO. INTERVISTA, ROSSOMANDO (PD): DDL PILLON TROPPO IDEOLOGICO/VIDEO (DIRE) Roma, 20 set. – “Si scrive ‘affido condiviso’ ma si legge guerra ‘padri contro le madri’, e si legge anche ‘figli minori trattati come pacchi postali’”. Cosi’ la vice presidente del Senato, Anna ROSSOMANDO (Pd), commenta il disegno di legge Pillon all’esame della Commissione Giustizia del Senato. “Il nostro diritto di famiglia e tutti i nostri sforzi- spiega- devono andare a tutelare il benessere psicofisico dei minori e soprattutto salvaguardare quel campo affettivo che chiamiamo famiglia e che quando si separano dei genitori deve continuare ad esistere come comunita’ affettiva per i figli, senza esasperare i conflitti”. Questo disegno di legge, conclude ROSSOMANDO, “in ossequio a un approccio molto ideologico e propagandistico, vuole usare la famiglia come un luogo dove rimettere tutti all’ordine e al proprio posto, in particolare le donne. Non facciamo pero’ pagare il prezzo dell’ideologia cieca e cinica ai bambini”. (Mar/ Dire) 17:01 20-09-18 NNNN

Affido: Rossomando,in provvedimento figli come pacchi postali

(ANSA) – ROMA, 18 SET – “Il senatore Pillon scrive ‘affido condiviso’ ma si legge ‘guerra dei padri contro le madri’ e si legge soprattutto figli minori trattati come pacchi postali”. Così la vicepresidente del Senato Anna Rossomando (Pd) commenta il ddl Pillon sull’affido dei figli dei genitori separati su cui i Dem annunciano battaglia per rigettare il provvedimento. “Se c’è bisogno di intervenire in base alle esigenze concrete – ha aggiunto – per esempio si riprenda una proposta di legge sull’assegno divorzile approvata in commissione Giustizia alla Camera la scorsa legislatura, di cui sono prima firmataria, che affronta il tema introducendo e precisando criteri per meglio determinarne l’entità facendo i conti con i cambiamenti della società”. E ha concluso: “Questo disegno di legge, invece, in base e in ossequio a un approccio molto ideologico e molto propagandistico vuole usare la famiglia come luogo dove rimettere tutti all’ordine, in particolar modo le donne. Non è questo il modo di affrontare i problemi e soprattutto non facciamo pagare il prezzo dell’ideologia cieca e cinica ai bambini”. (ANSA). SUA 18-SET-18 17:32 NNN

Parte processo a sindaco, solidarietà Rossomando a Boldrini

(V. “Stupratori a casa Boldrini”, iniziato…” delle 14.20) (ANSA) – ROMA, 17 SET – “Oggi inizia il processo che vede a giudizio il sindaco di Pontinvrea che augurò lo stupro a Laura Boldrini. La mia solidarietà e vicinanza a Laura, la sua battaglia è la nostra #IostoconLaura”. Lo scrive su twitter la vice presidente del Senato, Anna Rossomando. (ANSA). BOS 17-SET-18 14:37 NNN

LEGITTIMA DIFESA. INTERVISTA, ROSSOMANDO: ATTENZIONE A VITTIME REATI

Intervista (Video): http://agenzieric1.senato.intranet/media/2018/09/6_2018_09_11_20180911_002367.mp4

LEGITTIMA DIFESA. INTERVISTA, ROSSOMANDO: ATTENZIONE A VITTIME REATI/VD (DIRE) Roma, 11 set. – “La posizione del Partito Democratico sicuramente e’ di grande attenzione alle vittime dei reati, soprattutto alle vittime per reati odiosi come quelli delle aggressioni nelle abitazioni e sui luoghi di lavoro”. Lo dice alla Dire Anna ROSSOMANDO, vice presidente del Senato e senatrice del Pd, mentre la commissione Giustizia e’ alle prese con l’esame dei ddl sulla legittima difesa. “Dalle audizioni- sottolinea ROSSOMANDO- si conferma che il tema e’ come proteggere meglio le potenziali vittime di queste aggressioni mentre invece l’attenzione delle proposte si appunta sulla norma, che gia’ tutela chi per difendersi e’ costretto a reagire provocando lesioni o addirittura la morte dell’aggressore. Vari operatori del diritto hanno espresso molte perplessita’ su queste proposte- continua la senatrice- Io credo che la nostra attenzione sara’, come e’ gia’ stato nella scorsa legislatura, sull’aumento delle pene per i furti in abitazione che sono un fatto odioso. E’ una questione molto importante che riguarda il supporto e il potenziamento delle forze dell’ordine nel contrastare questi fenomeni”. “Interessanti”, conclude ROSSOMANDO, “sono alcune cose dette in audizione sulle assicurazioni o su una maggiore limitazione dell’uso dei contanti, come sostenuto ad esempio dall’Associazione dei benzinai. Questo e’ uno dei temi e delle proposte che noi avevamo gia’ realizzato e su quale riteniamo si possa fare di piu’”. (Mar/ Dire) 18:44 11-09-18 NNNN

Governo, Rossomando (Pd): Aspettiamo ravvedimento anche su anticorruzione

Governo, Rossomando (Pd): Aspettiamo ravvedimento anche su anticorruzione Roma, 6 set. (LaPresse) – “Il ravvedimento operoso del Governo è una notizia positiva. In 24 ore i ribaltoni concettuali propagandati da Salvini e Di Maio hanno fatto rapidamente marcia indietro: per l’Ilva si è rivalutato il piano Calenda, per la manovra la linea Padoan, per la lotta alla corruzione, stando alle dichiarazioni del premier, compaiono alcune prime modifiche al testo annunciato da Bonafede, dopo i rilievi che abbiamo loro posto. Aspettiamo di leggere il testo che uscirà dal Consiglio dei Ministri e auspichiamo che il Governo chiuda la fase della legislazione simbolica che sta portando avanti”. Così la senatrice Pd Anna Rossomando. POL NG01 egr/rib 20180906T121813Z

Corruzione: Rossomando, daspo roboante,non vero deterrente

Corruzione: Rossomando, daspo roboante,non vero deterrente (ANSA) – ROMA, 6 SET – “Siamo tornati alle norme manifesto”. E’ quanto dichiara la vice presidente del Senato, Anna Rossomando (Pd) intervistata da Il Dubbio a proposito del disegno di legge anticorruzione voluto dal ministro della Giustizia, Bonafede. “I fenomeni corruttivi, ma tutti i reati contro la Pa, sono estremamente complessi. La parola Daspo -dice Rossomando – è roboante e mediaticamente forte, ma non credo sia lo strumento deterrente perché non parte dalla realtà del fenomeno, ovvero il sodalizio stretto tra corrotto e corruttore. Il cosiddetto Daspo rischia di rafforzare proprio questo sodalizio”. “Non siamo all?anno zero – aggiunge – come vogliono far credere. Il Governo uscente, infatti, dove il mio partito esprimeva il ministro della Giustizia, ha fatto un lavoro importante per il contrasto a tali reati. Ricordo che sono state già aumentate le pene e le misure interdittive, eliminando di fatto la possibilità della sospensione condizionale per le condotte più gravi. Si è introdotto il reato di autoriciclaggio e quello di falso in bilancio, oltre ad allargare la possibilità di ricorrere alle intercettazioni per questa tipologia di reato. Abbiamo dato più poteri all??ANAC e legato il patteggiamento alla restituzione del maltolto. (ANSA). BOS 06-SET-18 11:33 NNN

MIGRANTI. ROSSOMANDO (PD): GOVERNO NON RISPETTA UMANITÀ E RACCONTA BUGIE

MIGRANTI. ROSSOMANDO (PD): GOVERNO NON RISPETTA UMANITÀ E RACCONTA BUGIE (DIRE) Roma, 25 ago. – “Questo governo non ha rispetto per l’umanita’ dolente tenuta in ostaggio sulla Diciotti e per l’umanita’ che ciascun italiano reca in se’ quando rivendica di esserlo. Non ha rispetto quando promette agli italiani di soddisfare giusti bisogni sociali in cambio della rinuncia a un po’ di umanita’; perche’ ne’ gli uni e ne’ l’altra possono essere messi in vendita. Questo governo e’ bugiardo. Nel 2018, cosi’ come nel 2017, non c’e’ alcuna emergenza sbarchi. Nel 2015 arrivarono in Europa via mare quasi un milione di persone. Adesso non siamo neanche a un decimo di quella cifra. Questo Governo prende in giro gli italiani. Solo tre mesi fa ha spacciato per una vittoria il consiglio europeo che ha messo nel cassetto la riforma di Dublino e modificato il meccanismo di ricollocazione, eliminando le sanzioni e rendendolo volontario. Quell’accordo e’ il frutto della nuova collocazione europea dell’Italia alleata con i sovranisti di Visegrad. Questo Governo e’ dannoso. Ci ha portato a rompere con i partner storici per metterci nelle mani di chi vuole distruggere l’Europa e adesso ci accorgiamo che i loro accordi sono solo propaganda, che sta danneggiando il Paese”. Lo dice la vice presidente Pd del Senato, Anna ROSSOMANDO, sul caso Diciotti. (Com/Ran/Dire) 15:23 25-08-18 NNNN

Carceri: senatori Pd, tradita la delega votata da Parlamento

(ANSA) – ROMA, 3 AGO – “Tradita la delega votata dal Parlamento ed il lavoro degli Stati Generali dell’Esecuzione Penale”. Lo dichiarano i senatori dem della commissione giustizia Anna Rossomando, Valeria Valente, Giuseppe Luigi Cucca e Monica Cirinnà. “Con l’annunciata chiusura al rafforzamento delle misure alternative, il Governo dimostra di coltivare una visione carcerocentrica che non giova né al recupero sociale dei condannati ne’ al miglioramento del livello di sicurezza della società e della sua protezione dal crimine. Il potenziamento delle misure alternative – prosegue gli esponenti dem – era accompagnato, nella versione amputata dello schema di decreto, dalla predisposizione di un programma trattamentale tale da evitare che il ricorso alle misure alternative potesse essere inteso come fuga dalla pena e dal suo significato costituzionale. Pena alternativa non è assenza di pena! La riduzione della pena ad un significato esclusivamente afflittivo si tradurrà in aumento dei tassi di recidiva e di insicurezza, accrescendo il malessere nelle carceri e non solo della popolazione detenuta. Le carceri che il decreto di riforma preparato dal Ministro Orlando disegnavano erano carceri in cui oltre alla pena il detenuto veniva inserito in un percorso lavorativo e formativo per reinserirlo nella società dopo aver scontato la pena. Alcune cose buone di questa impostazione rimangono, ma sono moltissimi i passi indietro che rischiano di relegare il carcere ad università del crimine, dove chi entra peggiora e quando esce commette altri reati che lo faranno tornare in carcere. + forse questa l’idea di sicurezza del governo?”. (ANSA). CAP 03-AGO-18 20:10 NNN