Archivio mensile:luglio 2015

PROFUGHI. ROSSOMANDO (PD): CENTRO T.FENOGLIO, ESEMPIO CONCRETO DI ACCOGLIENZA

“Oggi ho visitato il centro di prima accoglienza per profughi e richiedenti asilo Teobaldo Fenoglio gestito dalla croce rossa italiana nel comune di Settimo Torinese, un esempio di eccellenza che racconta di come si possa gestire l’accoglienza senza subire l’emergenza”. Così Anna Rossomando, deputata del Pd componente la commissione Giustizia alla Camera. “Non solo passione e impegno di chi presta la propria opera, ma grande competenza e professionalità sono alcuni degli ingredienti di questo racconto positivo di un centro che oltre a gestire il programma SPRAR si occupa di fatto dello smistamento degli arrivi in Piemonte, tant’è che è destinato a diventare uno dei primo HUB nella regione. Dal febbraio del 2014 ad oggi circa 20 mila persone sono passate da questo centro senza che sul territorio si siano manifestate problematicità e questo grazie al proficuo rapporto tra l’amministrazione locale e la gestione del centro. Le persone che arrivano in questo centro ricevono da subito un’alfabetizzazione di base, visita medica e vengono inserite nell’anagrafe sanitaria e successivamente vengono inseriti in percorsi di formazione professionale.

Strutture come queste – aggiunge la deputata torinese – dimostrano quanto sia importante la formazione e la professionalità di chi gestisce e opera in questi centri; su queste ricchezze occorre concentrare i nostri investimenti tanto da individuare proprio nella formazione di chi opera il punto di forza  delle risorse su cui investire. Allo stesso modo l’accoglienza per condurre a una vera integrazione deve essere da subito formazione di chi vi è ospitato.

Ancora una volta si dimostra – conclude Rossomando – non solo che è da condannare la strumentalizzazione ai fini di scontro politico dei temi legati alle emergenze umanitarie, ma di come ci sia soprattutto bisogno di lavorare tutti per un coordinamento delle migliori soluzioni per la gestione del fenomeno. Uno dei temi concreti che ad es. oggi mi è stato posto è quello del potenziamento delle commissioni che devono esaminare le richieste per il riconoscimento dello status di rifugiato. Recentemente il Governo ne ha aumentato considerevolmente il numero, ma occorre ancora intervenire per migliorarne l’efficienza nello smaltimento delle pratiche poiché gli ultimi dati che abbiamo ci dicono che si può arrivare fino a due tre anni di attesa prima di avere la decisione definitiva.

DDL PENALE. ROSSOMANDO (PD): ASSICURIAMO ESITO PROCESSO

(DIRE) Roma, 30 lug. – “Continuano le polemiche su quella che dovrebbe essere un’esigenza condivisa da tutti. Ovvero affermare il principio secondo il quale dopo la chiusura delle indagini, debba essere stabilito un tempo certo per indagati e persone offese per sapere se c’e’ rinvio a giudizio e archiviazione”. Cosi’ Anna Rossomando, deputata del Pd in commissione Giustizia, sul ddl che riguarda il processo penale in replica all’ANM. “Se il timore riguarda indagini complesse come quelle su mafia, terrorismo o corruzione, penso che – aggiunge la deputata del Pd – non ci sia nessun problema a definire meglio, nel prosieguo della discussione, un meccanismo che tenga conto di questo. Oltre ovviamente, alla norma transitoria (gia’ presente tra gli emendamenti) che stabilisce che la norma varra’ per i procedimenti successivi all’entrata in vigore della legge. Come autorevolmente chiarito dal Procuratore Generale Roberto Scarpinato, gia’ oggi il codice prevede che il PM concluda le indagini nel termine massimo di due anni, gli atti successivi di indagine sono inutilizzabili e la norma che si vuole ora introdurre e’ finalizzata unicamente a rimuovere stasi anomale del processo, che oggi si verificano”. “I tre mesi- aggiunge Rossomando- decorrerebbero dopo l’avviso di conclusione delle indagini che gia’ contiene l’addebito del fatto-reato con la contestazione della condotta. Evitare possibili scompensi e assicurare l’esito di indagini complesse come ad es. quelle per mafia, terrorismo o corruzione e’ patrimonio di tutti; e per questo si possono introdurre miglioramenti. Ma il diritto del cittadino sottoposto a indagine o della vittima di un reato di non essere sospesi a un tempo indeterminato per un rinvio a giudizio o un’archiviazione deve essere salvaguardato, evitando il raggiungimento della prescrizione di un reato”. (Rai/ Dire) 20:02 30-07-15
NNNN

GRATUITO PATROCINIO: 5 DEPUTATI PD, ECCO COME SI FA SE LO STATO NON PAGA (comunicato stampa, foto e video conferenza stampa)

L’uovo di Colombo per rendere effettivo il diritto al gratuito patrocinio per i meno abbienti: visto che lo Stato non paga (o ci mette troppo, oltre due anni come accade ora) scatta la compensazione fiscale, e gli avvocati che ne hanno diritto possono detrarre quanto spetta loro da Irpef, Iva, contributi previdenziali. L’idea è contenuta in una proposta di legge a prima firma della deputata del Pd Anna Rossomando, che insieme ai cofirmatari Maino Marchi, Federico Massa, Simonetta Rubinato e Mino Taricco l’ha presentata oggi in una conferenza stampa alla Camera, alla quale erano presenti numerosi esponenti del mondo dell’avvocatura che hanno sostenuto la proposta: il presidente del Consiglio nazionale forense Andrea Mascherin, la presidente dell’Organismo unitario dell’avvocatura Mirella Casiello, accompagnata dal coordinatore della commissione Oua sul gratuito patrocinio Alberto Vigani, il segretario Unione camere penali italiane Francesco Petrelli con il responsabile dell’Osservatorio sul gratuito patrocinio Savino Murro, il vice presidente della Cassa forense Valter Militi, il presidente del Movimento forense Massimiliano Cesali.

“Il tema del gratuito patrocino per i cittadini non abbienti – hanno sostenuto Rossomando, Marchi, Massa, Rubinato e Taricco – ha a che fare con la tutela del diritto alla difesa per i cittadini: affinché tale diritto sia effettivo e reale, la legge prevede che lo Stato intervenga quando necessario, ma questo istituto va al rallentatore a causa della lentezza con la quale vengono erogati i compensi”. Di qui l’idea della compensazione, contenuta in un ddl assegnato alla commissione Finanze di Montecitorio ma che un domani, chissà potrebbe far parte della prossima legge di Stabilità.

“La Difesa – ha affermato Andrea Mascherin – è un diritto dei deboli che troppo spesso viene sacrificato all’economia. In questo modo si crea una giustizia di censo, e questo vale anche per la sanità e l’istruzione”.

“Il cittadino – ha poi detto Mirella Casiello – deve sempre potersi rivolgere allo Stato per avere giustizia, ma ora questo servizio è di fatto a carico degli avvocati, che devono attendere troppo tempo per il compenso. Se si attuasse la compensazione prevista dal ddl – ha osservato – ci sarebbe uno snellimento del lavoro dei tribunali perché non ci rivolgeremmo più alle cancellerie alleviandone il lavoro”.

“La sfida – ha detto Francesco Petrelli – è quella di garantire l’effettività dei diritti che i cittadini hanno, e che troppo spesso vengono negati”. Anche perché, ha osservato Alberto Vigani, “una difesa con poche risorse è una difesa debole, e a quel punto solo i più abbienti possono avere un servizio adeguato”.

 

Oggi ore 13 a Montecitorio conferenza stampa proposta di legge su gratuito patrocinio. Segui la diretta…

clicca sull’immagine per vedere la diretta

 

 

 

 

 

 

 

 

GIUSTIZIA: DAL PD UNA PROPOSTA PER DARE NUOVO SPRINT A GRATUITO PATROCINIO

Giustizia, Pd: dare nuovo sprint a gratuito patrocinio (ilVelino/AGV NEWS) Roma, 28 LUG – Un’idea per dare nuovo sprint al gratuito patrocinio, incagliato dai perenni ritardi con cui lo Stato versa il dovuto agli avvocati che assistono cittadini meno abbienti: compensare la somma non corrisposta con le imposte e tasse, compresa l’Iva, dovute allo Stato. L’ha avuta la deputata del Pd Anna Rossomando, che insieme ai colleghi Maino Marchi, Federico Massa, Mino Taricco, Simonetta Rubinato e altri ha presentato una proposta di legge che e’ stata assegnata alla commissione Finanze di Montecitorio. Gli stessi autori della pdl terranno una conferenza stampa mercoledi’ prossimo, dalle 13 alle 14, nella sala stampa della Camera alla quale parteciperanno anche la presidente dell’ Organismo unitario dell’avvocatura, avv. Mirella Casiello, il presidente del Consiglio nazionale forense avv. Andrea Mascherin, il Segretario Unione camere penali italiane avv. Francesco Petrelli e il Presidente della Cassa Forense avv. Nunzio Luciano. “Il funzionamento del sistema – afferma Rossomando riferendosi al gratuito patrocinio – e’ seriamente inficiato dall’eccessiva lentezza del pagamento degli importi delle parcelle dovute dallo Stato. La soluzione che proponiamo puo’ dare risultati nel breve periodo e senza esborsi aggiuntivi per lo Stato”. (red/ban) 183728 LUG 15 NNNN

GIUSTIZIA: DAL PD UNA PROPOSTA PER DARE NUOVO SPRINT A GRATUITO PATROCINIO

Giustizia, Pd: dare nuovo sprint a gratuito patrocinio (ilVelino/AGV NEWS) Roma, 28 LUG – Un’idea per dare nuovo sprint al gratuito patrocinio, incagliato dai perenni ritardi con cui lo Stato versa il dovuto agli avvocati che assistono cittadini meno abbienti: compensare la somma non corrisposta con le imposte e tasse, compresa l’Iva, dovute allo Stato. L’ha avuta la deputata del Pd Anna Rossomando, che insieme ai colleghi Maino Marchi, Federico Massa, Mino Taricco, Simonetta Rubinato e altri ha presentato una proposta di legge che e’ stata assegnata alla commissione Finanze di Montecitorio. Gli stessi autori della pdl terranno una conferenza stampa mercoledi’ prossimo, dalle 13 alle 14, nella sala stampa della Camera alla quale parteciperanno anche la presidente dell’ Organismo unitario dell’avvocatura, avv. Mirella Casiello, il presidente del Consiglio nazionale forense avv. Andrea Mascherin, il Segretario Unione camere penali italiane avv. Francesco Petrelli e il Presidente della Cassa Forense avv. Nunzio Luciano. “Il funzionamento del sistema – afferma Rossomando riferendosi al gratuito patrocinio – e’ seriamente inficiato dall’eccessiva lentezza del pagamento degli importi delle parcelle dovute dallo Stato. La soluzione che proponiamo puo’ dare risultati nel breve periodo e senza esborsi aggiuntivi per lo Stato”. (red/ban) 183728 LUG 15 NNNN

Ddl penale: Rossomando, principio giusto, si può ragionare su complessità indagini

(ANSA) – ROMA, 28 LUG – “L’emendamento che ho presentato, che faceva gia’ parte di una proposta di legge presentata dal Pd nella scorsa legislatura, vuole semplicemente affermare il principio secondo il quale dopo la chiusura delle indagini, debba essere stabilito un tempo certo per sapere se si e’ rinviati a giudizio o archiviati. Questo vale per indagati, persone offese e cittadini tutti. D’altra parte anche i giudici per le motivazioni delle sentenze hanno un tempo certo in cui devono pronunciarsi”. Cosi’ Anna Rossomando, deputata del Pd in commissione Giustizia, sul ddl che riguarda il processo penale. “Oggi il 70 per cento dei processi si prescrive prima che venga fissata l’udienza di primo grado. L’obiettivo, peraltro previsto dalla Costituzione, di assicurare ai processi un tempo ragionevole entro il quale si concludano deve essere mantenuto. Se il timore riguarda indagini complesse come quelle sulla mafia, terrorismo o sulla corruzione, penso che – aggiunge la deputata del Pd – non ci sia alcunche’ di male a definire meglio, nel prosieguo della discussione, un meccanismo che tenga conto di questo. L’importante e’ che si preservi il diritto del cittadino sottoposto a indagine (al quale, secondo le attuali norme, all’atto della chiusura delle indagini viene comunque recapitato un atto nel quale si ipotizzano reati e condotte a suo carico) di non essere sospeso a un tempo indeterminato per un rinvio a giudizio o archiviazione, e delle parti offese a ricevere giustizia in tempi congrui a evitare il raggiungimento della prescrizione di un reato”. “E’ appena il caso di ricordare a chi abbia letto il testo in maniera frettolosa – conclude – che in conseguenza di questa norma non cadrebbe alcuna indagine e tantomeno quelle in corso, in virtu’ della norma transitoria che specifica come l’applicazione sia a partire dal giorno di entrata in vigore delle legge”. PAE 28-LUG-15 16:29 NNNN

Rossomando: le priorità della giustizia in Italia (Festa provinciale dell’Unità di Traversetolo)

Festa provinciale dell’Unità di Traversetolo: incontro con l’onorevole Anna Rossomando, il senatore Giorgio Pagliari e il responsabile provinciale alla giustizia Beppe Negri; a seguire il tributo musicale a Fabrizio De Andrè dei “Colori del vento”.

GIUSTIZIA: ROSSOMANDO, CONFERMATO IMPEGNO GOVERNO SU RISORSE UMANE

(9Colonne) Roma, 16 lug – “Come deputati del Pd abbiamo sostenuto con grande convinzione l’emendamento del relatore del dl in materia fallimentare presentato dal relatore del provvedimento, David Ermini, che affronta le emergenze negli uffici giudiziari stanziando 26 milioni per la riqualificazione del personale dell’amministrazione giudiziaria e circa 8 milioni per i tirocinanti di giustizia”. Lo dice la deputata del Pd Anna Rossomando, componente la commissione Giustizia della Camera. “Un ulteriore tassello – aggiunge – che integra la riforma della giustizia penale e civile dando una risposta positiva a un’esigenza reale. Con questo emendamento si conferma l’impegno di governo e parlamento nel reperimento di risorse umane e materiali per far funzionare il servizio giustizia”. (PO / red) 161949 LUG 15

Giustizia: Rossomando(Pd), bene Orlando su parita’ genere Csm

(ANSA) – ROMA, 15 LUG – Anna Rossomando, deputata del Pd della commissione Giustizia, apprezza l’iniziativa del ministro guardasigilli di invitare il Csm a considerare la questione della parita’ di genere per la dirigenza degli uffici giudiziari. “Apprezzo – dice la parlamentare dem commentando l’intervista di oggi al Sole 24 Ore di Orlando – che il ministro della Giustizia inserisca anche la rappresentanza dell’altra meta’ del cielo tra i punti qualificanti la riforma della giustizia. L’impegno preso dal ministro – osserva Rossomando - e’ un importante riconoscimento alla qualita’ del lavoro delle donne magistrate e della necessita’ di valorizzare il loro contributo”. (ANSA).
PAE 15-LUG-15 18:36 NNNN