Archivi giornalieri: 14 ottobre 2018

Riace: Rossomando (Pd), è un modello positivo

(ANSA) – L’AQUILA, 14 OTT – “Io separo sempre la parte regolamentare e giudiziaria da quella politica, che però non può essere elusa o, come dire, nascosta dietro ad altre cose e quindi dico con grande convinzione e grande nettezza che il modello Riace è un modello positivo da cui trarre ispirazione”. Così il vice presidente del Senato Anna Rossomando (Pd), parlando a margine della giornata conclusiva del Festival della Partecipazione che si è svolto all’Aquila, della vicenda del sindaco di Riace. “Quel modello può aiutare a governare il processo dell’immigrazione, perché questo è il compito delle istituzioni, delle comunità e la grande sfida per l’Italia e per l’Europa – ha proseguito -. Se si vuole governare questo processo in un sistema d’integrazione e di coinvolgimento della popolazione la lezione viene proprio dal modello Riace, dal coinvolgimento e dal pieno protagonismo degli abitanti del comune in un sistema continuo di collaborazione, di ‘controllo’ reciproco. Allora, se si vuole mettere in discussione questa collaborazione, di ‘controllo’, questo modello, lo si dica chiaramente, ma bisogna tener conto che la parte regolamentare è assolutamente un’altra cosa. Se ci sono state delle irregolarità andranno risolte, ma questo non elimina la questione politica e democratica”, ha concluso il senatore dem.(ANSA). XSB-PRO 14-OTT-18 19:21 NNN

Rossomando (Pd), da Mattarella richiamo a significato sistema

(ANSA) – L’AQUILA, 14 OTT – “Il presidente della Repubblica Mattarella ci ha richiamato al significato profondo dell’intero sistema democratico, che funziona ed è legittimato dal consenso popolare se si regge sulla partecipazione e su pesi e contrappesi a garanzia delle libertà individuali e delle minoranze, della capacità decisionale e non ultimo la trasparenza nei percorsi decisionali”. Così il vice presidente del Senato Anna Rossomando (Pd), parlando, a margine della giornata conclusiva del Festival della Partecipazione che si è svolto all’Aquila, proprio del significato dell’evento nella città colpita dal sisma del 2009. “Questo è un termine che rischia di essere banalizzato se non viene inserito in un contesto e oggi direi che il contesto è anche il grande sistema economico – ha spiegato ancora -: oggi discutere di democrazia non può prescindere dal sistema economico e mi riferisco alla globalizzazione per un verso, ma anche al sistema europeo. Dove vengono prese le decisioni e quanto influisce l’economia nel sistema economico nelle decisioni? Quanto l’economia deve stare in un sistema democratico e come interloquisce nel sistema stesso? Ecco, su questo io credo che bisogna interrogarsi e qui deve nascere un’innovazione di proposte, perché il sistema è cambiato e si è rivoluzionato; siamo alle soglie di una nuova grande rivoluzione che quella digitale e che non riguarda solo la comunicazione, ma anche la cosiddetta “economia digitale”. L’industria 4.0. quanto influirà sul sistema democratico? A questi interrogativi noi dobbiamo dare delle risposte, perché le analisi e le proposte devono essere sempre contestualizzate e attualizzate, altrimenti si rischia di fare soltanto retorica e di nuovo non si fa bene alla democrazia, che non ha bisogno di retorica, ma degli ideali – ha concluso. (ANSA). XSB-PRO 14-OTT-18 19:27 NNN