BENI USATI: VELO E ROSSOMANDO (PD), SI’ A INCENTIVI PER RIUSO

(9Colonne) Roma, 17 mar – “Nel mondo industriale, anche in quello più resistente, c’è stato un salto di qualità sui temi ambientali: ci sono segnali importanti che vanno sostenuti con la fiscalità, con l’idea di incoraggiare la responsabilità sociale dell’impresa”. Il tema è quello del riuso degli oggetti dismessi, che possono avere una seconda vita se opportunamente inseriti nei canali che cominciano a esistere come alternativa alla discarica e al riciclo. A pronunciare queste parole, la sottosegretaria all’Ambiente Silvia Velo. L’occasione, il convegno “Il valore aggiunto dell’usato nell’economia circolare”, che si è svolto oggi alla Camera. In questo settore, ha aggiunto Velo, “la buona volontà dell’iniziativa imprenditoriale, e in particolare grazie alle innovazioni e alle nuove tecnologie messe in campo da tante piccole e medie imprese, ha permesso al nostro Paese di diventare leader in Europa nell’ambito dell’economia circolare . Sono iniziative che devono trovare un sostegno” e il ministero dell’Ambiente, ha concluso la sottosegretaria, “è a disposizione” per studiare le proposte da sostenere. Proposte già presentate alle Camere da alcuni parlamentari, come ad esempio la deputata del Pd Anna Rossomando, che parlando al convegno ha detto: “In una legislatura già molto attiva, non possiamo perdere l’occasione di introdurre innovazione in una realtà che già esiste come quello del riuso dei beni. Sono del parere che un’agevolazione fiscale sarebbe il modo per riconoscere il valore sociale di un’iniziativa che ha un valore economico; avrebbe l’effetto di regolarizzare anche ciò che ora è sommerso e sarebbe dunque un beneficio anche in termini di legalità”. Certo serve anche l’iniziativa europea, ma l’Italia, a differenza del passato “può svolgere – come ha sottolineato Rossomando - un ruolo propositivo piuttosto che di semplice ricettore delle direttive europee”. Velo ha sottolineato il ruolo che attualmente svolge l’europarlamentare del Pd Simona Bonafé, relatrice del progetto di ripristino di una direttiva sull’economia circolare che esisteva nella scorsa legislatura ed è stata messa in archivio con la gestione Junker. “Ora siamo ripartiti – ha detto Velo – e l’Italia è la protagonista del riavvio del percorso”. (PO / red) 171624 MAR 16 

GIOVEDÌ 17 MARZO 2016 16.24.24

 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>