GIUSTIZIA. ROSSOMANDO: DOPO STALLO BERLUSCONIANO RIPRESE RIFORME

(DIRE) Roma, 18 feb. – “Riaprire i concorsi per il personale giudiziario e far ripartire le assunzioni e’ stata una preoccupazione costante in questa legislatura e ora si cominciano finalmente a vedere i risultati. Se oggi si puo’ pensare di prolungare gli orari delle udienze in tribunale fino al pomeriggio inoltrato, e dare cosi’ sostanza all’impulso riorganizzativo promosso dai vertici degli uffici giudiziari torinesi, contribuendo cosi’ a velocizzare i tempi dei processi e ridurre l’arretrato, e’ anche grazie al piano di assunzioni di personale giudiziario, varato dal Ministro della Giustizia Andrea Orlando, che sta portando nei tribunali italiani 1.600 unita’ tra assistenti e funzionari: in particolare in Piemonte stanno arrivando 162 nuovi assistenti, meta’ dei quali a Torino”, cosi’ l’onorevole AnnaROSSOMANDO, deputata torinese del Pd in Commissione Giustizia alla Camera dei Deputati, in merito al piano presentato dal presidente del Tribunale di Torino Massimo Terzi. “Dare piu’ risorse e strumenti adeguati a chi ha il compito di dirigere gli uffici giudiziari per organizzare al meglio il servizio giustizia vuol anche dire, come abbiamo iniziato a fare, prevedere soluzioni alternative e anticipate del processo, privilegiando nei casi di reati di minore entita’ il risarcimento alla vittima ed evitando cosi’ la celebrazione di tutti i tre gradi di giudizio – continua ROSSOMANDO -. Nel futuro, grazie all’insieme di questi interventi, le cifre che il Procuratore di Torino Armando Spataro aveva dato, ovvero l’ottenimento di poco piu’ di un terzo delle oltre 9 mila date di richiesta di fissazione di udienza, c’e’ la concreta possibilita’ che migliorino significativamente. Sara’ nostro impegno monitorare l’effetto che queste riforme produrranno, continuando a confrontarci con tutti gli operatori della giustizia: magistratura, avvocatura e personale giudiziario”. “Dopo lo stallo del ventennio berlusconiano – conclude l’onorevole -, abbiamo ripreso un cammino riformatore che sta cominciando a dare i suoi frutti e che abbiamo intenzione di proseguire nella prossima legislatura: l’Italia ha bisogno di andare avanti, non certo di tornare alla stagione delle leggi ad personam, delle prescrizioni brevi o dei legittimi impedimenti”. (Com/Rai/ Dire) 18:44 18-02-18 NNNN

Leggi articolo: 17_2_18 Corriere Torino – Udienze anche di pomeriggio – Svolta nel Tribunale di Torino

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>