Congresso Pd/Rossomando: “Senza rispetto delle regole e senza dialettica non c’è unità”

primarie-pd-680x365‘Il richiamo all’unità del partito e’ sempre buona cosa, ma se non vogliamo che sia pura retorica e che sia invece un riferimento anche ideale per tutti è necessario che proprio nel momento di massima dialettica interna com’è un congresso si nutra di condivisione delle regole e buone pratiche. E certo la decisione presa a stretta maggioranza dalla commissione provinciale di garanzia che ha rimesso in discussione una regola votata all’ unanimità il 25 ottobre non va in questa direzione. Senza rispetto delle regole e senza dialettica non c’è unità. Quanto poi alle vicende del circolo di Barriera di Milano se si vuole essere credibili non c’è che la strada della linearità . Qualsiasi tecnicismo o rinvio , o peggio ancora interpretazione in chiave personale della vicenda espone il PD alla critica di sottovalutazione e questa volta si di “leggerezza” . Quindi dimissioni del neosegretario Iati’ e nuove elezioni del circolo a breve’ .

Torino, 10 novembre 2013

Rassegna stampa dell’11 novembre 2013: 11_11_13 Repubblica Torino_Pd, Morri a pranzo con gli sfidanti per trattare le condizioni della tregua

Un pensiero su “Congresso Pd/Rossomando: “Senza rispetto delle regole e senza dialettica non c’è unità”

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>