Archivio tag: convenzione istanbul

FEMMINICIDIO:ROSSOMANDO (PD), IMPEDIRE CHIUSURA CENTRI ANTI-VIOLENZA

Femminicidio(ANSA) – ROMA, 28 MAG – ”La Ratifica della Convenzione di Istanbul contro la violenza sulle donne e’ un passo importante ma non certo un punto di arrivo: si tratta di uno strumento legislativo vincolante per proteggere le donne da qualsiasi forma di violenza, ma ora e’ necessario reperire le risorse per impedire la chiusura dei centri anti-violenza esistenti, per mettere in rete i centri anti-violenza e potenziare il numero delle ‘case segrete’ e per pianificare un progetto di prevenzione, anche culturale”. Lo afferma Anna Rossomando, deputata del Pd e componente della Commissione Giustizia alla Camera. ”Gli interventi dunque devono attuarsi su piu’ fronti con una piena valutazione del fenomeno, di che cosa capita e perche’ nelle relazioni tra uomini e donne, per capire di cosa c’e’ bisogno. Anche per questo – sottolinea – oggi in commissione giustizia abbiamo deciso di avviare un’indagine conoscitiva sullo stato di attuazione delle disposizioni legislative contro la violenza alle donne gia’ esistenti; l’indagine dovra’ concludersi entro il 30 settembre 2013 parallelamente alla discussione delle proposte di legge che sono e verranno presentate in attuazione della convenzione di Istanbul”.(ANSA).
PDA 28-MAG-13 16:38 NNNN

VIOLENZA DONNE: ROSSOMANDO (PD), “Subito attuazione Convenzione Istanbul ”

news23906COMUNICATO STAMPA

“Oggi alla Camera, in Commissione Giustizia, abbiamo espresso parere favorevole alla ratifica della Convenzione di Istanbul, per prevenire e contrastare la violenza sulle donne. Si tratta di uno strumento importante e atteso da tempo, perché la Convenzione vincola giuridicamente gli stati in materia di violenza sulle donne e domestica e contiene misure per la prevenzione e per la protezione delle vittime. La discussione e il voto in Aula è previsto per la settimana prossima. Ancora più importante sarà dare attuazione ai principi e alle disposizioni contenuti nella convenzione, in alcune parti già presenti nel nostro ordinamento”.

 

Roma, martedì 21 maggio 2013